TuttoTrading.it

01/02/2011 Bastano 10 cortei per mandare via Berlusconi? (Giuseppe Rizzo, www.unita.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli



manifestazioni


di Giuseppe Rizzo | tutti gli articoli dell'autore

Il prologo era andato in scena sabato 29 gennaio in piazza della Scala a Milano. Migliaia di donne, raccogliendo l'appello lanciato su queste pagine da Concita De Gregorio, insieme a quelli di varie associazioni, si erano date appuntamento all'ombra del gran teatro milanese per dire basta a “un'Italia ridotta a bordello”. Parole che adesso riecheggiano in tutto il paese. Da Palermo a Milano, mentre continua la raccolta delle 10 milioni firme del Pd per chiedere le dimissioni di Berlusconi (CLICCA QUI PER FIRMARE), febbraio sarà il mese delle piazze. Manifestazioni, cortei, sit-in per rivendicare la dignità delle donne e chiedere le dimissioni del premier.

GLI INDIGNATI
Si comincia giovedì 3 febbraio con un corteo spontaneo organizzato dal gruppo degli “Indignati” a Bologna. «La dignità non si compra – scrivono gli organizzatori – il nostro silenzio non è in vendita. Chiediamo le dimissioni del Presidente del Consiglio. Il 3 febbraio sarà la sesta volta che ci incontriamo. Continueremo, esigiamo dignità per il nostro paese».

LIBERTA' E GIUSTIZIA
CON ECO E SAVIANO

Il 5 febbraio sarà di nuovo la volta di Milano. Libertà e Giustizia, l´associazione tenuta a battesimo da Giovanni Bachelet, Umberto Eco, Claudio Magris, Umberto Veronesi e altri ancora, contestualmente a una raccolta di firme, organizza un incontro al Palasharp all'insegna dello slogan “Dimettiti, per un´Italia più giusta”. «Le firme stanno ormai toccando quota centomila – dice la responsabile Sandra Bonsanti. E la manifestazione è la nostra risposta alle migliaia di cittadini che non si sono accontentati di firmare l´appello, dicevano: ci stiamo, ma vogliamo fare qualcosa; sentono la gravità del momento». Sul palco, dalle 15, saliranno Umberto Eco, Gustavo Zagrebelsky, Roberto Saviano e Paul Ginzborg. Poi una lunga serie di interventi, tra cui quelli di Giovanni Bachelet, Bice e Carla Biagi, Daria Bonfietti, Susanna Camusso, Maurizio Landini, Beppino Englaro, Gad Lerner, Gae Aulenti.

IN PIAZZA A PALERMO
Contestualmente all'appuntamento lombardo, dall'altro capo dell'Italia si faranno sentire i palermitani, con un sit-in al teatro Massimo a partire dalle 16. «E' arrivato il momento di chiedere le sue dimissioni e questo grido deve giungergli anche dalla Sicilia – si legge nel comunicato dei promotori –. Le donne e gli uomini Siciliani non possono più tollerare che questo paese vada alla deriva. Scendiamo in Piazza armate di pentole e coperchi così nessuno può dire di non averci né sentito, né visto».

POPOLO VIOLA: PRIMA AD “ARCORE-HARDCORE”
POI CON PENTOLE E MESTOLI PER IL “CACEROLAZO”

Doppio appuntamento per il Popolo Viola. Domenica 6 ad Arcore (largo Vincezo Vela, ore 14), al grido di «ultima fermata hard-core». Sabato 12 invece «l’idea è quella di scendere in piazza in ogni parte d’Italia in modo pacifico ma rumoroso con pentole, mestoli, padelle e coperchi». L´invito è sempre quello di spingere Berlusconi ad andare in Procura «a discolparsi dei gravi reati di cui è accusato». Info: gruppiviola@gmail.com

TRAVAGLIO E SANTORO A MILANO
Proprio davanti alla Procura di Milano domenica 13 febbraio ci sarà il presidio a difesa dei magistrati annunciato in tv da Michele Santoro, in prima fila i giornalisti Marco Travaglio e Barbara Spinelli. «Saremo lì senza bandiere e simboli di partito per difendere l’indipendenza dei magistrati e la libertà d’espressione ed in difesa dei valori della Costituzione», ha detto il conduttore di Annozero.

TUTTE LE DONNE D'ITALIA IN PIAZZA

E sempre domenica 13, si mobilitano di nuovo le donne, con manifestazioni nelle principali piazze del Paese (FIRMA L'APPELLO DELL'UNITA'). “Se non ora quando?” è l'appello rilanciato anche dal segretario del Pd Bersani che sarà in piazza, e a cui hanno aderito, tra le altre, il direttore dell'Unità Concita De Gregorio, le editrici Inge Feltrinelli e Rosellina Archinto, la leader della Cgil Susanna Camusso, le giornaliste Natalia Aspesi e Tiziana Ferrario, le attrici Claudia Mori e Margherita Buy, le parlamentari Anna Finocchiaro, Livia Turco, Patrizia Toia (Pd), Giulia Bongiorno e Flavia Perina (Futuro e libertà). Per ogni informazione http://senonoraquando13febbraio2011.wordpress.com

http://www.unita.it


http://www.lombardia5stelle.org/
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • Archivio La 'commedia all'italiana' di Berlusconi senza Veronica
  • Archivio La 'commedia all'italiana' di Berlusconi e Veronica
  • Archivio Liberiamo la politica dai politici
  • Archivio Donna
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO