TuttoTrading.it

09/01/2007 Sempre più poveri. Rapporto sulla ricchezza nel mondo  (Agencia Periodística del MERCOSUR, redazione ECplanet, visto su http://www.comedonchisciotte.org )

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Rapporto sulla ricchezza nel mondo

Nel mondo ben 8.700.000 persone possiedono un patrimonio che supera il milione di dollari. La quantità dei milionari è in crescita, con un incremento superiore al 6% annuo. Quanto più un Paese è povero, tanto più velocemente crescono le fortune individuali.
La compagnia di consulenza e gestione finanziaria Merril Lynch - in collaborazione con la compagnia dello stesso settore Capgemini - ha presentato la decima edizione del Rapporto sulla Ricchezza nel Mondo 2005, dove c'è la conferma che stiamo andando di male in peggio. I dati fanno venire i brividi: nel mondo esistono 85.400 persone la cui fortuna personale oltrepassa i 30 milioni di dollari, e 8.700.000 che hanno un patrimonio superiore al milione di dollari. Inoltre, il numero dei nuovi ricchi cresce con un incremento superiore a quello dell’economia mondiale: il 6% negli ultimi 4 anni, contro una media del 4% della produzione di tutto il globo. E come se non bastasse, la quantità di multimilionari è aumentata del 10,2% rispetto all’anno precedente.

Coloro che hanno un patrimonio superiore ai 30 milioni di dollari vengono definiti ultra o multimilionari, invece quelli che possiedono ‘soltanto’ un milione di dollari sono detti ‘milionari’ tout court.
Nel primo caso, si tiene conto del patrimonio netto, cioè, senza considerare i debiti; nel secondo caso, dal patrimonio vengono esclusi la prima casa e le voci attive tangibili, come ad esempio i gioielli o le opere d’arte. In testa ci sono gli Stati Uniti, con 2.670.000 milionari, seguiti dal Giappone, con 1.410.000, dalla Germania (767.000), dalla Gran Bretagna (500.000), dalla Francia (367.000), dalla Cina, (320.000), dal Canada (232.000), dall’Italia (198.000) e dalla Svizzera (191.000).

Le informazioni fornite dalla lettura del rapporto ci permettono di trarre delle conclusioni attendibili, ma non per questo meno eclatanti. I ricchi diventano ogni anno sempre più ricchi: nel 2005 essi si sono accaparrati un patrimonio netto di 33.000 milioni di dollari, l’8,5% in più del 2004, e si prevede che nel 2010 entreranno in possesso di 44.600 milioni di dollari. Il rapporto mostra che il numero di nuovi ricchi è in aumento proprio nelle regioni più povere del mondo. Ad esempio, il luogo in cui il numero di ricchi ha fatto il maggiore balzo in avanti è l’Africa, con un incremento dell’11,7%. E, tra i singoli Stati, è l’India a trarre i maggiori vantaggi: adesso ha il 19,3% di ricchi in più rispetto al 2004; segue la Russia, con il 19,3% in più.

La quantità di milionari è duplicata rispetto al 1996, quando assommavano a 4.500.000. Inoltre, la stragrande maggioranza dei guadagni di questa élite selezionata è dovuta a due grandi tipi di operazione che hanno poca ricaduta sulle attività produttive: il rapporto spiega infatti che le cause principali dell’arricchimento sono gli investimenti presso le varie Borse valori e nel mercato immobiliario. Poiché la quantità di ricchi cresce più di quanto cresca l’economia complessiva, ne consegue che questa categoria si prende una fetta maggiore della torta globale. Quindi, quando vengono avanzate richieste per una ridistribuzione progressiva del reddito, dobbiamo porci in questo contesto: oggi evidentemente si verifica una distribuzione regressiva della ricchezza totale prodotta.

In America Latina, il numero dei ricchi è aumentato del 9,7%. Il rapporto segnala come causa principale del fenomeno l’aumento dei prezzi del petrolio. In totale, circa 350.000 di latinoamericani controllavano un patrimonio di 4.200 milioni di dollari.

Il Brasile è in testa a questa triste classifica regionale. Nella maggiore economia del Sudamerica, il tasso di nuovi ricchi è salito dell’11,3% rispetto al 2004. L’aumento dell’oro nero ha portato benefici anche a persone residenti in Messico e nel Venezuela. Da noi la situazione è analoga.

Un rapporto presentato dall’Istituto di Studi e Formazione della Centrale dei Lavoratori Argentini (CTA) spiega che, nonostante la crescita dell’economia, la torta viene mal distribuita. ‘La dinamica del mercato argentino del lavoro, sebbene crei impiego, non riesce a risolvere né la povertà né la disuguaglianza nella distribuzione dei redditi. L’attività economica maggiore ha un effetto scarso sugli introiti della popolazione più svantaggiata.

Nelle condizioni attuali e nonostante il calo della disoccupazione, in materia di povertà e indigenza c’è la tendenza ad attestarsi su un nuovo livello costante sostanzialmente più alto di quello degli anni ‘90’ segnala lo scritto succitato.

Il rapporto della CTA è stato reso noto la settimana scorsa; in esso si sottolinea che nell’ottobre 2001 i settori popolari percepivano il 25,5% del prodotto, mentre alla fine del 2005 la loro partecipazione era del 22,3%, di fronte a un’espansione dell’economia, nello stesso periodo, del 30%. Il maggiore regresso si è avuto nel 2002, quando i redditi dei settori medio-bassi sono crollati al 23% del Prodotto Interno Lordo (PBI). Nel 2003 è iniziato un recupero, e si è ritornati al 26,2%, ma da allora la partecipazione dei lavoratori è rimasta praticamente inalterata. ‘Da tutto ciò balza agli occhi che l’inversione del modello di disuguaglianza consolidatosi durante l’esperienza neoclassica degli anni ’90 continua a restare una questione in sospeso’ aggiunge il rapporto.

Alla voce 'consumo', il rapporto dell’Istituto diretto dal deputato Claudio Lozano mette in evidenza che tra il 2001 e il 2005 la partecipazione dei settori popolari al consumo privato è calata dal 45,8% al 43,8%, mentre i settori accentrati, che riguardano solo il 3.2% della popolazione attiva, hanno elevato la loro porzione dal 54,2% al 56.2%. In conclusione - secondo il rapporto - per combattere l’inflazione, più che stabilire un tetto all’aumento dei salari sarebbe conveniente una riforma tributaria a base progressiva. In Argentina e nel mondo, la linea di tendenza vede le risorse gestite in misura crescente da un numero sempre minore di mani. E dato che il tema è complesso, occorrono delle risposte altrettanto complesse. Perciò non crediamo che questo dramma terribile possa risolversi semplicemente firmando dei trattati bilaterali di libero commercio. Se fossimo d’accordo con questa affermazione, saremmo dei veri sciocchi.



Agencia Periodística del MERCOSUR (APM) (26 giugno 2006) / gennaio
2007

a cura della redazione ECplanet
Fonte: http://wwww.ecplanet.com/
7 gennaio 2007

  • Archivio Problemi del Mondo
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO