TuttoTrading.it

 Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • M5S TDG
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics
  • 11/03/2007 Anche in Italia la somministrazione di Ritalin ai bambini 'vivaci' (http://www.canisciolti.info)

    Ricerca personalizzata

    Le tante polemiche dei mesi scorsi sono servite a poco: il Ritalin, il discusso medicinale utilizzato già da tempo negli Usa per i bambini troppo vivaci, potrà essere venduto liberamente anche in Italia. Il via libera, arrivato dall'Agenzia italiana del farmaco, è condizionato a precise procedure grazie alle quali si eviterà la prescrizione del Ritalin nei casi non strettamente necessari. Limiti, questi, stabiliti per cercare di mettere a tacere chi sostiene che l'assunzione del farmaco in età pediatrica possa avere conseguenze nocive sulla crescita dei bambini, non ultima la dipendenza e quindi l'abuso.

    Oltre al Ritalin, l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha dato l'ok all'immissione in commercio dell'atomoxetina (Strattera) Entrambi i farmaci vengono impiegati nella terapia da sindrome da iperattività (Adhd) e secondo le indicazioni dell'Agenzia Italiana per il farmaco soltanto in integrazione al supporto psico-comportamentale. Al fine di garantire un uso appropriato, sicuro e controllato del Ritalin e dello Strattera e l'impiego esclusivo nei pazienti affetti da Adhd, sono state, infatti, individuate procedure che vincolano la prescrizione del farmaco a una diagnosi differenziale e a un Piano terapeutico definiti da Centri di riferimento di neuropsichiatria infantile appositamente individuati dalle Regioni.

    Uso controllato - Queste procedure impongono controlli periodici per la verifica dell'efficacia e della tollerabilità del farmaco e richiedono l'inserimento dei dati presenti nei Piani terapeutici in un Registro nazionale appositamente istituito all'Istituto superiore di sanità, con garanzia di anonimato, per consentire il monitoraggio della terapia farmacologica. In questo modo è stata garantita la disponibilità del farmaco soltanto ai casi di reale necessità, evitando gli usi impropri verificatisi in altri Paesi che tante polemiche hanno suscitato su tv e giornali. Negli Usa, si impiegano 10-15 minuti per capire se un bambino è affetto da Adhd, e poi si prescrive la pillola, anche a 2 anni.

    Monitoraggio costante - Per maggiori garanzie circa l'utilizzo del medicinale solo nei casi considerati gravi, l'Agenzia italiana del farmaco elaborerà un Rapporto annuale, effettuato sulla base dei dati del monitoraggio e del Registro, finalizzato alla valutazione complessiva del problema e delle eventuali altre misure da adottare.

    Il neuropsichiatra: "Evitiamo battaglie ideologiche" - Un primo commento a caldo arriva da Franco Nardocci, presidente della Società italiana di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza (Sinpia), che esorta tutti a evitare battaglie ideologiche sugli psicofarmaci ai bambini. Secondo Nardocci, per evitare le distorsioni che si sono verificate in Usa, con un'impennata dei consumi degli psicofarmaci compresi quelli dedicati all'infanzia e all'adolescenza, "non tutti i medici devono poter prescrivere il Ritalin. Bisogna però anche ricordarsi - aggiunge - che ci sono bimbi malati, che non sono solo vivaci, ma che hanno bisogno di cure".

    Dossier: ADHD - Sindrome infantile da deficit di attenzione e iperattività

  • Archivio Psicofarmaci
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO