TuttoTrading.it

16/09/2006 La Croce della Politica dei Laici (Cinzia Frassi, http://www.altrenotizie.org)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Come accaduto ad alcuni dei suoi predecessori, anche il ministro Mastella si troverebbe nella scomoda posizione di portare la croce della laicità dello Stato, sancita dalla Carta Costituzionale.

Ad investirlo della questione sarebbe il giudice Luigi Tosti, magistrato ordinario di Camerino e imputato in vari procedimenti penali davanti al Tribunale dell'Aquila, tutti riguardanti la sua richiesta di rimozione del crocifisso dalle aule giudiziarie e il suo contestuale rifiuto di tenere udienze alla presenza sul muro alle sue spalle del simbolo religioso. Molti ministri della Giusitizia, da Claudio Martelli a Giovanni Maria Flick ad Oliviero Dilliberto, furono destinatari, tra gli altri, di missive volte ad ottenere risposte circa l'annosa questione crocifisso si, crocifisso no nella lunga vicenda processuale Montagnana, relativa in particolare all'esposizione del crocifisso presso i seggi elettorali. Ancora, l'ex ministro della Giustizia Castelli si trovò a fare i conti con le polemiche legate ai casi di Adel Smith e della cittadina finlandese, vicende giudiziarie simili per la rimozione dei simboli religiosi dalle aule scolastiche.

Il ministro Mastella, stando a fonti indipendenti, avrebbe ricevuto dal giudice Luigi Tosti una lettera con la quale chiede che vengano rimossi dalle aule giudiziarie i simboli di una religione di Stato che di fatto sarebbe ancora nei fatti considerata tale, appellandosi alla inconfutabile laicità dello Stato come principio cardine del nostro ordinamento. Non solo, il giudice di Camerino chiede di poter svolgere il suo lavoro con quell'imparzialità necessitata anch'essa dal dettato Costituzionale, per non essere costretto a calpestare i diritti di cittadini non cattolici o atei. La missiva sarebbe permeata inoltre dalla richiesta, peraltro forte nei toni, di non essere egli stesso giudicato da "colleghi" che "si identificano platealmente nei crocifissi cattolici appesi sopra la loro testa, e non nei simboli neutrali dell'unità nazionale che, guarda caso, sono accuratamente estromessi dalle aule giudiziarie italiane".

Che la lettera del giudice Tosti a Mastella esista o no, il tema della relazione tra principi di laicità ed esposizione di simboli religiosi negli uffici pubblici, resta. Depennata dall'ordinamento giuridico la "religione di Stato" e confermati, come ce ne fosse bisogno, i principi di laicità dello Stato e di libertà religiosa sanciti dalla Costituzione con l'intervento della Corte di Cassazione Penale - in particolare con la sentenza n. 439 del 2000 - si ribadisce che l'esposizione del crocifisso negli uffici pubblici è lesiva del principio di laicità dello Stato.

Tuttavia resta sempre vivo e innescato uno strano meccanismo che traduce il diritto nel suo contrario. E' così che, probabilmente, si possono spiegare le conclusioni del Consiglio di Stato che pochi mesi fa, a proposito della vicenda della cittadina finlandese, stabiliva che il crocifisso fosse un simbolo idoneo ad esprimere il fondamento nella nostra società di valori civili. Non essendo quindi un oggetto di culto quando si trovi esposto nella aule scolastiche, veniva ad assumere, non si sa per quale miracolo, un oggetto rappresentativo dei valori della nostra società.

Non può essere giudicata una questione annosa e alquanto noiosa quella dell'esposizione del crocifisso nei luoghi pubblici, soprattutto se consideriamo le recenti esternazioni del Papa che considera il popolo italiano lascivo, quindi colpevole di assecondare la contro-calata islamica.

Nel tentativo, ben riuscito del resto, di riportare al centro la religione cristiana quale principale missione di pace necessaria per la soluzione dei problemi squisitamente occidentali, si veste quell'intolleranza cattolica importata alla politica del vecchio scudo crociato di una laicità all'italiana.

I principi di laicità dello stato e di libertà religiosa si gonfiano del peso politico del consenso elettorale storicamente conquistato a suon di inno alla fede cristiana. Assumono profili abnormi, impropri, finendo per essere fatalmente vanificati dagli interessi aritmetici squisitamente elettorali.

In quest'ottica passare dal crocifisso nelle aule giudiziarie o scolastiche, alla gestazione del partito democratico, il passo è breve. Dopo Frascati, dove si sono riuniti sotto l'ala prodiana esponenti dei Ds e della Margherita nel tentativo di gestazione della creatura elettorale capace di catturare i centristi cattolici, soprattutto quelli che ancora resistono alla tentazione di fare un bel salto nel centro-sinistra, lo scontro ideologico è sempre lo stesso di sempre: laici e cattolici.

Appese al crocifisso, se guardiamo bene, ci sono le istanze della società laica, quali i pacs, il testamento biologico, la libertà di ricerca scientifica, l'integrazione necessaria della società multirazziale e il ripudio della guerra come soluzione di pace dei conflitti internazionali, che attendono risposte coerenti da questo governo.

  • Archivio Religioni
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO