TuttoTrading.it

 Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • M5S TDG
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics
  • 21/07/2006 Oggi l'incontro con il Commissario. Via i rifiuti in 7 giorni (www.lanuovaecologia.it)

    Ricerca personalizzata

    Guido Bertolaso promette di risolvere l'emergenza immondizia nel capoluogo campano: «Serve gioco di squadra». Le rassicurazioni del capo della protezione civile dopo il vertice in Prefettura

    Discariche abusive nel casertano

    Entro una settimana Napoli sarà libera dai rifiuti. È la promessa del capo della protezione civile Guido Bertolaso lanciata al termine dell'incontro, tenuto oggi, negli uffici della Prefettura di Napoli per risolvere la crisi campana. All'incontro hanno partecipato il commissario di governo per l'emergenza rifiuti in Campania, Corrado Catenacci

    ed i prefetti delle cinque province campane.«La differenziata deve essere un obbligo per tutti ma che prevede tempo lunghi. In questo momento nella Regione Campania – ha detto il capo del dipartimento della Protezione civile – la percentuale della raccolta differenziata è sull'11 per cento mentre il limite minimo è del 35 per cento. Dall'11 al 35 per cento non si passa né in un giorno, né in un mese e neppure un anno. Non si esce dall'emergenza attuale solo con la differenziata».

    Per uscire dall’emergenza «é necessario un gioco di squadra, con la collaborazione da parte di tutti, dei prefetti che non fanno mai mancare il loro appoggio, dei cittadini» dice Bertolaso. E bisogna attuare pure il progetto «che prevede anche la riapertura di alcune discariche. È bene evidente – ha detto il capo della Protezione civile – ed è condiviso da tutti, che si esce da questa situazione di emergenza tramite un vero serio programma di raccolta differenzia ma è anche bene evidente che quando abbiamo migliaia di tonnellate non si può chiedere ai cittadini di fare la raccolta differenziata lasciando tutto quello che vediamo nelle città. Quindi ci vuole coerenza nei comportamenti».

    Per l'apertura della discarica a Villaricca (Napoli) - che non sarà l'unica - si faranno «gli accordi con i cittadini, come abbiamo fatto in passato – promette Bertolaso – Abbiamo assicurato che avremmo conferito un certo quantitativo di prodotti che escono dai Cdr, che li avremmo controllati, dal sotto di punto igienico sanitario». Anche se i sindaci della zona (Giugliano, Qualiano e Villaricca)

    contestano duramente la scelta del commissariato di governo Catenacci ricordando che, in occasione dell'apertura della discarica di Settecainate (avvenuta nell'estate di due anni fa) erano stati garantiti che non sarebbero state più aperti sversatoi in zona, anche in considerazione del fatto che in un'area di appena una quindicina di chilometri vi sono una decina di discariche ormai sature (tra cui "Masseria del Pozzo", "cava Giuliani", "Resit"), un sito di stoccaggio per le ecoballe ed in un impianto di Cdr. Impegno ribadito, ricordano ancora gli amministratori, in occasione della chiusura dello stesso sversatoio di Settecaianate, che è stato attivo per diversi mesi.

    «Posso prendere l'impegno di fare – ha però promesso Bertolaso – un lavoro più igienicamente corretto, un lavoro sicuro che possa comunque mettere in sicurezza quel territorio, in modo che poi non si debbano più cose in quella zona». Entro la fine di questa settimana «con lo sforzo che farà il Commissario, insieme con tutte le strutture municipalizzate, riusciremo a portare via da Napoli i rifiuti che ci sono per strada». E' quanto assicura il capo della protezione civile Guido Bertolaso. «Sempre entro questa settimana, al massino entro i primi giorni della prossima porteremo via la spazzatura che si trova lungo le strade dei Comuni dell'area vesuviana» poi sarà necessario «mantenere dei ritmi tali per impedire che per la prossima estate i rifiuti restino per strada». Fra una settimana Bertolaso tornerà a Napoli per fare il punto della situazione.

  • Archivio Rifiuti
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO