TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 10/01/2006 Influenza Aviaria. De Petris: la Polemica dimostra Interessi sui Farmaci (Rosamaria Mutarelli, www.verdi.it).

  • Pagina Salute
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Sanità
  • Pagina Alimentazione
  • Ricerca personalizzata

    “Le polemiche fra Sirchia e Storace sono la conferma di quanto sosteniamo da tempo: troppa attenzione e interessi attorno a farmaci e vaccini e scarso impegno e risorse per la prevenzione". Loredana De Petris, senatrice dei Verdi e capogruppo in commissione Agricoltura, interviene sulle misure necessarie per fronteggiare l'influenza aviaria a seguito della crisi in Turchia. E tra le altre misure, una "di prevenzione e di buon senso - aggiunge De Petris - riguarda senz'altro la chiusura anticipata della caccia alle specie acquatiche". "L'emergenza e' alle porte dell'Europa - dichiara la senatrice - e per questo le misure adottate dal Governo sono inadeguate dal punto di vista della prevenzione". Quel che serve e' "avviare subito interventi a tutela della salute dei lavoratori addetti al settore avicolo - prosegue De Petris - stabilire la chiusura anticipata della caccia per alcune specie a rischio, e testare la capacita' operativa dei servizi pubblici in caso di allarme". "A giudizio dell'Oms - prosegue la senatrice dei Verdi - gli addetti degli allevamenti, degli impianti di macellazione e lavorazione delle carni sono esposti al rischio maggiore. Abbiamo gia' chiesto per questo l'adozione di interventi urgenti per la sicurezza degli ambienti di lavoro, per l'adozione di efficaci dotazioni individuali di protezione e per la formazione dei lavoratori del settore, come segnalato dalle organizzazioni sindacali". "Ma una misura di prevenzione e di buon senso - conclude De Petris - riguarda senz'altro la chiusura anticipata della caccia alle specie acquatiche. Anche se il monitoraggio in corso della fauna selvatica non ha ancora evidenziato la presenza di virus ad alta patogenicita', i flussi delle specie migratorie espongono tuttora i cacciatori e chiunque manipola la selvaggina abbattuta ad un rischio che e' necessario evitare in via precauzionale". (Dire)


  • Pagina Salute
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Sanità
  • Pagina Alimentazione
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO