TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 20/08/2007 SALUTE. Allarme vestiti alla formaldeide, l'Aduc scrive al Governo (SB, http://www.helpconsumatori.it)

    Ricerca personalizzata

    Vestiti alla formaldeide. E' il nuovo allarme in arrivo dalla Nuova Zelanda dove, durante una trasmissione televisiva, sono stati resi noti i dati di una indagine sulla quantità di formaldeide (aldeide formica) nei tessuti di indumenti provenienti dalla Cina. La formaldeide è un battericida, utilizzato spesso come disinfettante oppure come antimuffa e per mantenere la piega degli indumenti.

    L'Aduc ha scritto una lettera ai Ministri della Salute, Livia Turco e dello Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani per saper se anche in Italia siano state fatte analisi dei tessuti provenienti dalla Cina e quali siano i risultati. Una interrogazione in tal senso è stata annunciata dalla deputata Donatella Poretti (RNP). "Nel 2006 - ha affermato Primo Mastrantoni, segretario Aduc - il 22,4% di abbigliamento utilizzato in Italia proveniva dalla Cina (+22% rispetto al 2005) mentre i prodotti tessili coprivano 19% (+31% rispetto al 2005). Il nostro consiglio e' quello di lavare e ventilare i tessuti prima di indossarli".

    20/08/2007 Vestiti tossici dalla Cina. ADUC scrive ai ministri interrogazione parlamentare (Primo Mastrantoni, segretario Aduc, www.aduc.it)

    Roma, 20 agosto 2007. Dopo il dentifricio all'anticongelante, i giocattoli al piombo e le scarpe al cromo, ora e' la volta dei vestiti alla formaldeide. La notizia viene dalla Nuova Zelanda dove, durante una trasmissione televisiva, sono stati resi noti i dati di una indagine sulla quantita' di formaldeide (aldeide formica) nei tessuti di indumenti provenienti dalla Cina. I livelli accertati sono 900 volte maggiori di quelli consentiti dall'Organizzazione mondiale della sanita' (OMS). Si pensi che 2 volte significa un aumento del 100%. I valori limite dell'OMS sono di 20 parti per milione mentre nei tessuti sono stati trovati valori fino a 18.000 parti per milione. La formaldeide e' un cancerogeno e puo' provocare irritazione delle mucose degli occhi, delle prime vie aeree e irritazione della pelle. La formaldeide e' usata come antimuffa e per mantenere la piega degli indumenti. Nel 2006 il 22,4% di abbigliamento utilizzato in Italia proveniva dalla Cina (+22% rispetto al 2005) mentre i prodotti tessili coprivano 19% (+31% rispetto al 2005). Il nostro consiglio e' quello di lavare e ventilare i tessuti prima di indossarli.

    L'Aduc ha scritto una lettera ai Ministri della Salute, Livia Turco e dello Sviluppo Economico, Pierluigi Bersani per saper se anche in Italia siano state fatte analisi dei tessuti provenienti dalla Cina e quali siano i risultati. Una interrogazione in tal senso e' stata annunciata dalla deputata Donatella Poretti (RNP).

  • Archivio Salute
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO