TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 06/02/2006 I Dati di Legambiente sulla Gestione Moratti. Aule Piene Casse Vuote (www.lanuovaecologia.it)

  • Scuola Università
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Droga
  • Pagina Ambiente
  • Ricerca personalizzata

    Ci sono 107.000 studenti in più in 5 anni, 46.229 insegnanti in meno e i finanziamenti sono stati tagliati del 14,2%. La critica di Legambiente: «Il governo ha perseguito solo il risparmio»

    Meno insegnanti e più precarizzati, più alunni e tagli ai finanziamenti. Questo il quadro del sistema suola fotografato da Legambiente nel rapporto “Scuola pubblica: liquidazione di fine stagione” che documenta lo stato di salute dell’istruzione italiana e che è stato presentato sabato a Roma, nell’ambito dell’incontro “Per una scuola democratica secondo Costituzione” organizzato dal tavolo nazionale “Fermiamo la Moratti”.

    Trasformare l’istruzione in merce appetibile per il mercato e far funzionare sempre peggio la scuola pubblica. A questo porta la strada tracciata dalla riforma della scuola di Letizia Moratti e percorsa in questi cinque anni dal governo di centro-destra. Lo dimostrano le cifre: a fronte di un incremento di 107.000 alunni registrato negli ultimi cinque anni, soprattutto grazie alla presenza quasi triplicata degli studenti stranieri, i finanziamenti sono rimasti identici a quelli del 2000, con un calo pro-capite del 14,2%. In controtendenza al trattamento riservato alle scuole paritarie che aumentano del 194,32% rispetto a quanto previsto dalla legge del 2000 sulla parità scolastica.

    Inoltre la Finanziaria 2006 eleva a 157 milioni di euro il bonus a favore delle famiglie che scelgono la scuola privata. Sono aumentati dell’11,68% gli alunni portatori di handicap, le situazioni di disagio scolastico e i casi di dispersione scolastica con abbandoni cha vanno dall’1,8% dei licei all’8,5% degli istituti professionali, mentre i fondi destinati ad incentivare il lavoro degli insegnanti sono inalterati da sei anni

    Gli studenti aumentano ma gli insegnanti diminuiscono: sono 15.752 le cattedre soppresse durante i cinque anni di governo Moratti. Unico dato in positivo riguarda la scuola per l’infanzia con un aumento di 997 classi e 1.369 cattedre, che però appare sottodimensionata rispetto all’aumento degli alunni. Si rafforza anche la precarizzazione: in cinque anni la scuola ha perso 46.229 docenti di ruolo. Nel 2005/2006 si registrano 102.000 precari, un 12,93% del totale, di cui 33.700 con contratto a tempo determinato fino al 31 agosto 2006, e 68.400 con incarico fino al termine delle lezioni.

    Non è confortante nemmeno lo stato di salute degli edifici scolastici: secondo l’indagine compiuta dal Miur nel 2002 il 57,1% delle scuole non era in possesso del certificato di agibilità statica e di agibilità igienico – sanitario, il 73,2% non aveva il certificato di prevenzione degli incendi, il 37% mancava di scale di sicurezza e il 20,6% di porte antipanico. «Il Ministero della pubblica istruzione in questi anni – ha dichiarato Vittorio Cogliati Dezza responsabile Scuola di Legambiente - ha lavorato con la sola logica del risparmio: meno insegnanti e sempre più precari, meno sostegno all’handicap, nessuna politica per l’integrazione dei sempre più numerosi alunni stranieri, tagli drastici ai finanziamenti per l’offerta formativa. È stato insomma messo in discussione il valore sociale della scuola pubblica e – aggiunge – mortificata la funzione degli insegnanti. E la scuola ne risulta impoverita».


    Documenti collegati:

    Dossier Scuola pubblica 2006


  • Scuola Università
  • Tutti i Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Pagina Droga
  • Pagina Ambiente
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO