TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 21/05/2007 SICUREZZA. Abi, banche e forze dell’ordine contro il rischio-rapine (LS, www.helpconsumatori.it)

    Ricerca personalizzata

    Da oggi ci sarà una più stretta collaborazione tra le banche e le Forze dell'ordine per contrastare il fenomeno criminale delle rapine e rendere le filiali sempre più sicure non solo per i dipendenti, ma anche per i clienti. Abi e le Prefetture di 71 province italiane hanno, infatti, già siglato un apposito protocollo d'intesa per "rafforzare" la sicurezza e intensificare questa collaborazione.

    L'iniziativa è stata presentata oggi nel corso del convegno "Banche e Sicurezza 2007", in occasione del quale è stato firmato il nuovo protocollo da parte del direttore generale dell'Abi, Giuseppe Zadra e del Prefetto di Roma, Achille Serra. All'incontro erano presenti anche il Vice Ministro dell'Interno, Marco Minniti, il Presidente della Commissione Finanze e Tesoro Senato della Repubblica, Giorgio Benvenuto e il Segretario Generale del Garante per la protezione dei dati personalim, Giovanni Buttarelli. Il nuovo protocollo prevede importanti novità che, nella capitale e in tutte le altre province dove l'accordo è già operativo, contribuiranno a rendere meno esposti al rischio-rapine gli oltre 30.000 sportelli dove ogni giorno si recano migliaia di cittadini e impiegati.

    Il protocollo prevede che:

    • le banche e le Prefetture condividano dati e informazioni utili per prevenire e contrastare in maniera ancora più efficace il fenomeno delle rapine;
    • le banche si debbano dotare ogni filiale di almeno tre sistemi di sicurezza tra quelli più moderni ed evoluti e di un meccanismo di videoregistrazione in grado di facilitare le forze dell'ordine nella ricostruzione puntuale degli episodi criminosi e nell'identificazione dei responsabili;
    • ogni banca si impegni a monitorare e segnalare qualsiasi movimento sospetto di persone all'interno e all'esterno delle filiali ed eventuali malfunzionamenti o lavori di manutenzione che potrebbero ridurre l'efficienza delle misure di sicurezza adottate.

    "La sicurezza - ha detto Zadra - è una priorità fondamentale per le banche italiane che ogni anno investono circa 800 milioni di euro per perfezionare e potenziare le misure di protezione allo sportello, anche grazie all'intensa collaborazione con le Forze dell'ordine. L'altro numero di rapine che si registrano in Italia, però, è anche frutto della circolazione di denaro contante che da noi è decisamente superiore che nel resto d'Europa per via del minor utilizzo di strumenti di pagamento moderni e e più efficienti come le carte". Proprio per questo motivo, secondo Zadra, è necessario ridurre l'ampia circolazione di denaro contante per garantire più sicurezza, non solo in banca.

    Ma cosa deve fare un dipendente di banca in caso di rapina? Tutte le risposte e i consigli si trovano nella nuova edizione della "Guida antirapina" che l'Abi ha redatto in collaborazione con le forze dell'ordine.

  • Archivio Sicurezza
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO