TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 18/05/2006 Ieri, Moggi e Domani ( Fabrizio Montanari, Giacomo Silvestri, www.lavoce.info)

  • Pagina Sport
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Disinformazione
  • Pagina Economia
  • Ricerca personalizzata

    Il sistema calcio italiano pare essere entrato in una bufera di cui è difficile immaginare non solo la fine, ma anche forza ed estensione. Come in ogni caso di rottura dello status quo che si rispetti, si rincorrono voci, supposizioni, timori, annunci, insinuazioni, prese di posizione e semplici pettegolezzi di quartiere. Tutti pronti a gridare allo scandalo, indignati e colpiti al cuore: giornalisti, politici, calciatori o semplici appassionati domenicali. Ma, subito dopo, altrettanto pronti alle rassegnate litanie di rito del "io lo dicevo…" e "io lo sapevo…".
    Fuori dall’atteso e normale teatro della pubblica e privata sorpresa, rimane lo spazio del pensiero, e della ricerca delle soluzioni a quella che certo si caratterizza come una crisi di vaste proporzioni. E il calcio, ci piaccia o no, rappresenta una rilevante fetta del nostro colorato sistema paese.
    Con 5 miliardi di euro di giro d’affari annuo, è una delle principali attività economiche del paese; i 40 milioni di cittadini interessati e appassionati ne fanno il fenomeno sociale di massa di maggior rilievo; da un punto di vista mediatico, infine, è tra i maggiori catalizzatori di audience (le trasmissioni televisive più viste sono spesso le partite di calcio), e dunque di consumi.

    Dopo la rivoluzione

    Ogni rivoluzione, indipendentemente dalle sue cause scatenanti, è spesso seguita da un periodo di evoluzione. Questo pare essere almeno il sentimento di Guido Rossi, commissario straordinario incaricato di sbrogliare la matassa, che sostiene che "le grandi riforme dell’economia sono arrivate sempre nei momenti di grande crisi e che la crisi induce a creare regole diverse". Ma ai nuovi codici occorre accostare etica ed equità. Intervento normativo e moralizzazione sono dunque i due lati della stessa medaglia, per rilanciare il sistema calcistico.
    Quanto la mancanza di regole da un lato, e il malaffare, la corruzione, il complesso sistema di influenze e favori dall’altro, hanno influenzato gli ultimi campionati, viziandone irrimediabilmente gli equilibri agonistici e sportivi? Quanto, in altri termini, ha influito il cosiddetto "sistema Moggi"? Poco o nulla, come sostiene chi dice che "la palla è tonda" e che vizi e vizietti dello sport fanno parte del gioco (sic!) e poco influenzano i risultati finali? (1) Oppure l’influenza dei poteri occulti del calcio ha rovinato spettacolo sportivo e falsato rilevanti dinamiche finanziarie come i più invece temono?
    Il campionato di calcio del nostro paese è certamente viziato (almeno in termini comparativi) da un deficit competitivo che determina dinamiche di classifica "uniche" se paragonate a quanto avviene negli altri maggiori campionati europei. Presentiamo qui i risultati che sostengono l’ipotesi del deficit competitivo e suggeriamo alcune proposte normative per portare nuovo equilibrio in campo (e spettacolo per gli spettatori).

    Analisi della competitività

    Per prima cosa, si è comparato il campionato di calcio italiano con quelli tedesco, spagnolo e inglese per verificare se il divario fra grandi e piccoli club (e quindi la scarsa competizione) fosse da noi più marcato. Le stagioni prese in considerazione sono le ultime sei (dal 2000-2001 al 2005-2006).
    A un primo superficiale livello di studio, se si considera unicamente il numero di squadre che hanno vinto il campionato, non emergono differenze significative tra i diversi tornei: tutti e quattro i campionati hanno visto alternarsi tre squadre al vertice nelle ultime sei stagioni (tavola 1)

    Tavola 1. Squadre al vertice dei campionati

     

    Spagna

    Italia

    Inghilterra

    Germania

    2005-2006

    Barcellona

    Juventus

    Chealsea

    Bayer Monaco

    2004-2005

    Barcellona

    Juventus

    Chealsea

    Bayer Monaco

    2003-2004

    Valencia

    Milan

    Arsenal

    Werder Brema

    2002-2003

    Real Madrid

    Juventus

    Manchester Utd

    Bayer Monaco

    2001-2002

    Valencia

    Juventus

    Arsenal

    Borussia Dortmund

    2000-2001

    Real Madrid

    Roma

    Manchester Utd

    Bayer Monaco

    Anche se consideriamo la differenza punti tra la prima e l’ultima squadra classificata, non emerge con chiarezza un deficit competitivo italiano: il nostro campionato presenta valori mediamente più elevati rispetto a quelli di Spagna e Germania, ma inferiori all’Inghilterra (tavola 2).

    Tavola 2. Differenze tra squadre prime e ultime classificate nei diversi campionati

     

    Spagna

    Italia

    Inghilterra

    Germania

    2005-2006

    58

    70

    76

    48

    2004-2005

    56

    51

    63

    59

    2003-2004

    51

    69

    57

    42

    2002-2003

    46

    51

    64

    45

    2001-2002

    38

    53

    59

    48

    2000-2001

    41

    55

    54

    36

    MEDIA

    46,4

    55,8

    59,4

    46

    Per avere un’idea più corretta e completa del livello di competizione interna del campionato, abbiamo utilizzato l’indice di Gini per analizzare la distribuzione dei punti tra le squadre. Osservando i dati (tavola 3), è possibile notare come l’Italia abbia un valore medio superiore a quello degli altri paesi e come, quindi, i punti siano distribuiti in modo molto più concentrato. In altri termini, il dato evidenzia che poche squadre fanno molti punti e, dunque, sottolinea che esiste un divario difficile da colmare tra i pochi team forti e i molti deboli.

    Tavola 3. Comparazione dell’indice di Gini per i campionati dal 2000-2001 al 2005-2006

    Spagna

    Italia

    Inghilterra

    Germania

    2005-2006

    0,15

    0,20

    0,18

    0,16

    2004-2005

    0,14

    0,13

    0,17

    0,15

    2003-2004

    0,13

    0,20

    0,15

    0,16

    2002-2003

    0,14

    0,17

    0,15

    0,11

    2001-2002

    0,11

    0,16

    0,17

    0,17

    2000-2001

    0,12

    0,16

    0,14

    0,12

    MEDIA

    0,130

    0,171

    0,159

    0,148

    L’indice di Gini, inoltre, presenta una crescita costante. La sola eccezione è il campionato 2004-2005 che però ha alcune peculiarità: è stato il primo a venti squadre e il livellamento c’è stato, ma verso il basso. Molti si ricorderanno che alla penultima giornata c’erano ben otto squadre in lotta per non retrocedere e la retrocessione fu alla fine decisa in base alla classifica avulsa e allo spareggio.
    I dati confermano l’ipotesi dell’esistenza e della continua crescita del divario fra grandi e piccoli club del nostro campionato. (2) E la disuguaglianza è ulteriormente accentuata dal diverso trattamento nella cessione dei diritti televisivi. Il sistema si risolve in un circolo vizioso in cui i divari sportivi ed economici si alimentano a vicenda. In altre parole, più le grandi squadre si rafforzano, più aumenta lo squilibrio, peggiore risulta l’equilibrio competitivo. Questo può causare una perdita di interesse da parte degli spettatori e una riduzione del volume di risorse che affluiscono nell’industria calcio.

    Cosa fare

    Guido Rossi promette interventi efficaci e subitanei, tali da garantire non solo un clima più disteso per l’avvio del campionato del mondo, ma anche i nomi delle squadre che parteciperanno alle coppe e il corretto avvio del prossimo campionato di serie A.
    Ai tanti consigli che riceverà nei prossimi giorni, vogliamo aggiungere una nostra riflessione sull’introduzione di regole, già più volte discusse nelle pagine di questa testata, volte a favorire un maggiore equilibrio tra le squadre. Le possibili soluzioni riguardano ancora una volta l’introduzione, sul modello degli sport professionistici americani, di un salary cap che uniformi in qualche modo le spese delle società negli stipendi dei calciatori.
    La recente innovazione introdotta dalla serie B rappresenta un importante passo in questa direzione, anche se non sufficiente. Per due ragioni. Innanzitutto è stato fissato un limite di spesa in salari (pari al 70 per cento dei ricavi complessivi) che non è uguale per tutte le squadre. Dunque, anche in questo caso, come faceva notare la Gazzetta dello Sport, il Torino e l’AlbinoLeffe avrebbero due budget a disposizione ben diversi. In secondo luogo, un intervento di questo genere non può essere fatto solo a livello italiano, ma richiede omogeneità a livello europeo. Se venisse, infatti, introdotta solo in Italia una ferrea salary cap sul modello dell’Nba del basket americano, i club italiani potrebbero perdere competitività nei confronti delle altre squadre europee. In ogni caso, la coerenza a livello di sistema sopranazionale non deve rappresentare un alibi al cambiamento. Nel caso non venisse approntata alcuna modifica sostanziale, alcuni già immaginano una situazione nazionale di collasso del sistema, con il possibile esito di una rottura della Lega attuale e la formazione di leghe alternative: un super-campionato a livello europeo sul modello della Champions League e vari campionati nazionali privi delle squadre più forti.

    (1) Si veda in proposito l’editoriale "La palla è tonda. Punto" apparso su Il Foglio di martedì 16 maggio 2006.
    (2) Idea supportata con altre analisi anche nell’articolo di Boeri e Severgnini


  • Pagina Sport
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Disinformazione
  • Pagina Economia
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO