TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 07/08/2006 Libri a Ferragosto - Indagine sul calcio (Stefano Tasselli, www.lavoce.info)

  • Pagina Sport
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Disinformazione
  • Pagina Economia
  • Ricerca personalizzata

    Dati essenziali

    Oliviero Beha, Andrea Di Caro, Indagine sul calcio, Bur 2006, 631 pagine, 12 euro.

    Gli autori

    Oliviero Beha, per molti anni inviato de La Repubblica, è autore e conduttore di trasmissioni radiofoniche e televisive, saggi, romanzi
    Andrea Di Caro, conduttore radiofonico e televisivo, scrive per Il Mattino e Limes

    L’opera

    Nell’arco di tempo racchiuso tra le due ultime vittorie italiane ai Mondiali di calcio, i ventiquattro anni dal 1982 al 2006, i due autori tracciano un impietoso ritratto cronologico del calcio italiano, "un gioco appassionante trasformato in un intrigo industriale", dove contano solo i soldi e il potere che questo sport può generare.
    Il libro si compone di capitoletti tra loro organici, che portano i titoli dei quadrienni compresi tra le varie edizioni dei Mondiali: 1982-1986, 1986-1990 e così via, fino al 2006. Vi vengono riassunti e discussi i principali eventi che hanno interessato il calcio italiano. Si passa così dai sospetti, subito sopiti, sulla partita contro il Camerun del Mundial spagnolo, al binomio Juventus–Roma della metà anni Ottanta, ai successi del Napoli di Maradona, fino alla monotona litania, degli anni Novanta e Duemila, scandita dalla diarchia Juve–Milan, interrotta, proprio a cavallo del Giubileo, dai successi delle squadre romane. È un calcio ormai dominato dagli introiti dei diritti televisivi, dove il divario tra grandi e piccole squadre diventa incolmabile.

    Orizzonti critici

    Il racconto di Beha e Di Caro si fa apprezzare per il suo ritmo veloce e coinvolgente: scorrono gli anni, cambiano solo parzialmente gli attori, e rimane immutabile il palcoscenico etico su cui si proiettano gli eventi. Ne emerge un mondo dominato dall’assoluta assenza di trasparenza, feudo incontrastato di pochi potenti, terreno minato per quei pochi che, per scelta o per caso, si oppongono al sistema. Si capiscono così alla perfezione quel substrato comportamentale e quella prassi che hanno portato, quest’anno, a Calciopoli, lo scandalo per eccellenza del calcio. Quest’ultimo evento si colloca infatti in una posizione apicale nel climax tracciato dagli autori, poiché è definibile, per dirla alla Totò, come la "pentola scoperchiata", il punto in cui il sistema va di fronte allo scandalo e al giudizio.
    Il sistema, però, ha resistito: lo confermano le pene morbide comminate, lo conferma l’incalzare della nuova stagione italiana ed europea, come se nulla, o quasi, fosse successo.
    Probabilmente, le condizioni per un radicale cambiamento non ci sono. Ma è un peccato, se confrontiamo gli eventi di oggi con la passata intransigenza della giustizia sportiva, che in questo paese, la prima cosa che si perde, sia sempre la memoria.

    Guida alla lettura

    La lettura è agevole e di facile comprensione anche per chi non sia esperto di calcio. La natura cronologica del racconto gli conferisce una natura modulare, con possibilità di concentrare l’attenzione solo su determinati eventi.

    Link utili

    Siti della Federazione italiana e della Lega calcio:
    http://www.figc.it/
    http://www.lega-calcio.it/

    Siti delle federazioni internazionali:
    http://it.uefa.com/index.html
    http://www.fifa.com/en/index.html


  • Pagina Sport
  • Temi Archivio
  • Tutti i Temi
  • Disinformazione
  • Pagina Economia
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO