TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 26/04/2006 Tav, l' Ue spinge la Locomotiva (www.lanuovaecologia.it)

    Ricerca personalizzata

    Parere positivo di Bruxells al rapporto della società Ltf.
    LEGAMBIENTE: «È tendenzioso»

    Pecoraro Scanio: «Grandi opere solo con i cittadini». Manifestazione anti-tav davanti alla Prefettura di Torino

    Fornire alle popolazioni della Val di Susa informazioni trasparenti sull’impatto che la nuova ferrovia di base avrà sulla valle. Sarebbe questo lo scopo del rapporto sull'alta velocità redatto da cinque saggi nominati da Loyola De Palacio, coordinatore del corridoio 5 ed ex commissario europeo, presentato oggi in prefettura a Torino. «Uno studio

    Loyola De Palacio Loyola De Palacio

    che suscita non poche perplessità, con un’impostazione così poco neutrale - ha dichiarato Roberto Della Seta, presidente nazionale di Legambiente- e in alcuni punti, come nel riferimento a lobby sotterranee in Val di Susa, perfino tendenzioso. Ci chiediamo - continua Della Seta - se questo rapporto, commissionato dalla De Palacio possa fornire la serietà e l’indipendenza che sono la premessa per la realizzazione di questo grande corridoio europeo, visto che non ha dato alcun elemento aggiuntivo ma alcune gravi affermazioni contro le quali non escludiamo l’azione legale».

    Ci sono raccomandazioni dettagliate, e un sostanziale apprezzamento per come la societa' italo-francese Lione Torino Ferroviaria (Ltf), incaricata dei lavori preparatori per la Tav, ha trattato i punti criticati con indagini approfondite sugli aspetti più controversi. Il voluminoso rapporto di 160 pagine realizzato dagli esperti indipendenti incaricati dalla Commissione europea di valutare gli studi fatti dalla Ltf, in seguito alle preoccupazioni degli abitanti della Val di Susa, è stato accolto da Bruxelles con soddisfazione.

    «Questa valutazione è un eccellente punto di partenza per rilanciare il dialogo nella valle di Susa, era importante che la popolazione potesse disporre di un'informazione trasparente e imparziale», ha detto il commissario Ue ai trasporti Jacques Barrot. In attesa del primo confronto di domani, quando la coordinatrice dell'asse transeuropeo, l'ex commissaria Loyola De Palacio, illustrerà a Torino l'esito dello studio, Bruxelles ha dato quindi un primo giudizio positivo ritenendo che il rapporto offra alla popolazione il modo di giudicare «in maniera oggettiva la pertinenza del progetto, le misure prese sull'ambiente e il controllo dei rischi potenziali sulla salute». Gli esperti spiegano di aver analizzato «una massa considerevole di informazioni e di dati tecnici messi a disposizione da Ltf sugli aspetti della salute, dell’ambiente e delle previsioni di traffico».

    Intanto il leader dei Verdi Alfonso Pecoraro Scanio, commentando quanto emerso finora e riservandosi un esame più approfondito sul rapporto, ha ricordato quanto scritto nel programma dell'Unione sulle opere pubbliche che, ha detto, «devono essere costruite con il consenso e il coinvolgimento delle comunità locali». I Verdi, ha aggiunto, proporranno che sulla vicenda Tav «ci sia un incontro tra Romano Prodi e il presidente della Commissione europea Jose' Manuel Barroso».

    E la protesta riprende vigore. Oltre un centinaio di manifestanti si è riunito davanti alla Prefettura di Torino dove in mattinata si è presentata la coordinatrice del corridoio 5 della Ue, Loyola De Palacio, che ha incontrato i rappresentanti degli enti locali, tra cui molti sindaci della Valle di Susa, per illustrare il rapporto

    Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO