TuttoTrading.it



SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 13/06/2008 Bollette gonfiate, il Tar blocca l’Agcom (LM, http://www.helpconsumatori.it)

    Ricerca personalizzata

    Il Tar del Lazio ha sospeso la delibera dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni che prevedeva il blocco automatico delle chiamate verso i numeri a sovrapprezzo a partire dal 30 giugno. Sollevazione dei Consumatori. Longo (MDC): "La decisione del Tar favorisce le truffe".

    Bollette gonfiate: il Tar sospende la delibera che prevedeva il blocco automatico delle chiamate dirette ai numeri a sovrapprezzo e spesso a rischio truffa. Il Tar del Lazio ha infatti accolto i ricorsi presentati da alcuni operatori e ha deciso di sospendere la delibera dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni che prevedeva l'entrata in vigore - a partire proprio dal 30 giugno prossimo - del blocco automatico delle chiamate da telefono fisso alle numerazioni a sovrapprezzo (come gli 144 e i numeri da cui spesso traggono origine truffe e bollette gonfiate). Il Tribunale ha deciso di sospendere la delibera dell'Agcom (la n.97/08/CONS) e ha fissato una nuova udienza per approfondire nel merito la questione.

    La decisione ha provocato la sollevazione delle associazioni dei Consumatori. Il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) denuncia la "resa alle lobbies telefoniche" e promette di far recapitare tutte le bollette contestate negli anni. "La decisione del TAR del Lazio di sospendere la delibera dell'AGCOM sui numeri a pagamento è una resa alle lobbies telefoniche che favorisce le truffe telefoniche contro gli interessi dei consumatori": questo il commento di Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino, alla notizia della sospensione della delibera dell'Autorità per le tlc.

    "Non si comprende davvero quali altre verifiche - continua Longo - debba fare in questi mesi il TAR. Non bastano le centinaia di migliaia di utenti truffati in questi anni, con conseguenti procedimenti per truffa a carico dei gestori di questi servizi a pagamento. Faremo avere nei prossimi giorni al TAR i pacchi delle migliaia di bollette contestate in questi anni. Forse così i giudici si faranno una idea delle truffe consumate e che con la loro sospensiva saranno ancora possibili nei prossimi mesi".

    "Quella del Tar è un'infausta decisione, serviva uno stop netto e definitivo alle bollette telefoniche gonfiate da servizi non richiesti": questo il commento di Paolo Martinello, presidente dell'associazione Altroconsumo, che denuncia come da tempo i consumatori siano tartassati da problemi legati a 899, dialer, numerazioni satellitari, servizi a valore aggiunto, connessioni a Internet mai effettuate. L'associazione annuncia che il 30 giugno "notificherà l'atto introduttivo della class action contro Telecom Italia a tutela degli interessi di tutti coloro che hanno ricevuto negli ultimi anni una bolletta gonfiata, salvo che il Governo non intervenga per decreto posticipando l'entrata in vigore della norma istitutiva della class action, disattendendo quindi le aspettative e gli interessi dei consumatori".

    CODICI annuncia che farà appello al Consiglio di Stato. "La decisione del Tar Lazio di sospendere la delibera dell'autorità che prevedeva il blocco automatico di tutte le chiamate verso i numeri a sopraprezzo, ci lascia sorpresi - commenta il segretario nazionale del CODICI, Ivano Giacomelli - Mi preme sottolineare che questo tipo di tariffazione a scatto singolo è stato recentemente lo strumento di una serie di truffe, oggetto di indagine da parte dell'autorità giudiziaria".

    Sul caso è intervenuta anche Adiconsum, per la quale "ora bisognerà attendere il giudizio di merito che non si avrà prima di novembre, salvo ulteriori rinvii. I gestori potranno così continuare a a guadagnare in maniera enorme su quei numeri".

    E se Adiconsum promette battaglia, l'Unione Nazionale Consumatori (UNC) si dichiara "senza parole": "La decisione del Tar del Lazio che sospende la delibera dell'AGCOM sul blocco delle chiamate a sovrapprezzo ci lascia senza parole - commenta infatti UNC - Che escano allo scoperto i gestori telefonici promotori del ricorso al Tar e vengano a spiegare alle associazioni di consumatori cosa concretamente intendono fare per i consumatori, sempre più tartassati da numeri a sovrapprezzo, dialers e servizi non richiesti".

    http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Telefono
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti

    Clicca qui!

    VAI ALLA MAPPA DEL SITO