TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 02/04/2007 Ficarra e Picone sono il 7 e l'8 (Cristina Pippo, http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    Clicca qui per ingrandire|

    Nelle sale dal 16 marzo è arrivato il nuovo film del duo comico Ficarra e Picone che ci riprovano dopo Nati stanchi del 2002. Una commedia brillante per ridere e .... anche riflettere ogni tanto.

    Due giovani di 31 anni si incontrano, o per meglio dire, si scontrano e per successive casualità si ritrovano sempre più spesso insieme. Scopriranno ben presto a seguito di una serie di assurde circostanze che sono stati scambiati alla nascita: insomma il Ficarra della culla 7 è finito nella culla n.8 di Picone e viceversa. Una storia bizzarra, che ben si adatta alla comicità tutta giocata sui giochi di parole, ricercata ed insieme semplice del duo siciliano, che ricordiamo dopo la felice ospitata sanremese, una delle più riuscite di tutta la kermesse. In quell'occasione, il duo hanno saputo esprimere a meraviglia la natura della sua vis comica, giocata sul plurimo significato delle loro gag, che spesso lasciano davvero piacevolmente perplessi (da sottolineare, sulle altre, il riuscito dialogo su Don Puglisi: si capisce solo alla fine che si stava parlando di lui, e ciò per cui si rideva assume improvvisamente un altro, più profondo significato).

    Insomma trovate simpatiche che lasciano spazio alla riflessione, sottile, e, non si sa come riescano, mai scontata o banale. Vale anche per il loro nuovo film che li vede protagonisti assurdi e sconclusionati, soprattutto Ficarra, ladro di segnali stradali di cui non sa che farsi, abituato ad entrare in casa sempre dal balcone, a prescindere, mentre Picone è drammaticamente e insieme comicamente simile allo studente medio, fidanzato ma non innamorato, fuoricorso ma “ tra poco finisco”. Insomma icona di una comica mediocrità che la faccina ingenua e dolce di Picone impersona al meglio. La sceneggiatura è particolarmente felice, molte le battute e gli scambi veramente azzeccati che caratterizzano i momenti più esilaranti del film, complice la mimica facciale di Salvatore Ficarra, che a volte non ha neanche bisogno di parlare o di finire le frasi per essere compreso.

    Anzi, i suoi silenzi dicono davvero più di mille battute riuscite, un piccolo fenomeno dello schermo, dato che i primi piani non fanno che esaltarne le caratteristiche fisionomiche da assurdo personaggio brontolone. Alcune pensate sono davvero divertenti tipo l’idea del gallo che canta ogni volta che Daniele La Blasca (Picone) dice qualcosa che non pensa. Il pubblico non se lo aspetta nel primo caso, ride compiaciuto per il riferimento nel secondo caso, rimane spiazzato nel terzo, dato che si rovesciano gli schemi di significato. Insomma comicità pensata e ragionata, che non è mai volgare, ma al contrario risulta garbata e fine. Illustri sono gli ospiti di questa pellicola, in particolare Arnoldo Foà e Remo Girone, i cui nomi scorsi nei titoli iniziali sono attesi per gran parte del film con curiosità fino al colpo di scena finale.

    La partecipazione di Foà è poi un cameo riuscito, basterebbe che solo parlasse che già la sua voce direbbe molto, è un piacere ascoltarlo e vederlo, profondo di ugola e di concetto. Buona scelta. L’unica pecca del film che per il resto è assai coerente con se stesso e non cade mai in contraddizione è il finale. Posto che da Ficarra e Picone è ragionevole attendersi sempre un’uscita di scena particolare, ricercata, non comune, la fine di questo film lascia davvero perplessi. Se ne attende per tutta la durata una conclusione originale, della serie “chissà questi che si saranno inventati per sciogliere questa bizzarra situazione” e si rimane davvero delusi, tanto che per una coerenza interna si può pensare che sia previsto un seguito, “il 9 e il 10” insomma. Bene, bravi, voto: tra il 7 e l’8.

  • Archivio Spettacolo
  • Archivio Rete 4 è illegale. Sentenze della Corte Europea

  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO