TuttoTrading.it

30/08/2006 Dopo Katrina in molti hanno abbandonato New Orleans. Un anno dopo (Francesco Nicoletti, www.verdi.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Dopo Katrina in molti hanno abbandonato New Orleans. Anche le imprese scappano: troppo alti i costi assicurativi contro i disastri

Esattamente un anno fa l’impatto terribile dell’uragano Katrina sulle coste meridionali degli Stati Uniti provocava un’alluvione il cui bilancio finale sarebbe stato di 1300 morti e di danni per miliardi di dollari. Nonché un far west causato dal ritardo, e in alcuni casi, dalla complicità di chi avrebbe dovuto soccorrere, e dalla leggerezza con cui l’amministrazione Bush sottovalutò il pericolo. Oggi, mentre le popolazioni costiere del Golfo del Messico si preparano ad affrontare nuove emergenze, gli effetti di quella sciagura non sono ancora finiti.

 

Spazzando via strade, abitazioni e infrastrutture di molti centri abitati, Katrina non ha solo reso difficile, e per i più poveri – penalizzati in gran parte da una cattiva gestione dei fondi statali destinati alla ricostruzione – impossibile, il ritorno per centinaia di migliaia di sfollati, ma ha minato la loro fiducia. Ora hanno paura: i posti dove sono cresciuti non sono più sicuri.

 

Sono i profughi del terzo millennio, quelli che fuggono dalle catastrofi provocate dal cambiamento climatico: i primi di un fenomeno inedito per il nostro pianeta che, secondo le previsioni degli studiosi, ridisegnerà le mappe della distribuzione demografica come un tempo i grandi flussi migratori.

 

È quello che sta avvenendo negli Stati meridionali Usa, con  particolare intensità in Louisiana e Mississipi, i più duramente colpiti dalla catastrofe, ma anche negli altri che si affacciano sul Golfo del Messico, dalla Florida al Texas. Un anno fa furono oltre un milione gli sfollati dalle zone costiere prima dell’impatto dell’uragano. Oggi alcuni sono riusciti a tornare, ma gran parte ha preferito, o peggio è stata costretta, a cercarsi una nuova sistemazione e un nuovo lavoro più a nord, nelle contee settentrionali della Louisiana e del Mississipi, o del Texas e dell’Arkansas.

 

Un attento monitoraggio di questa nuova tendenza è stato realizzato da un’istituto privato americano specializzato in analisi demografiche, il Claritas, che ha raccolto numerosi dati sul fenomeno e li ha aggiornati costantemente durante l’ultimo anno. Il caso di New Orleans è emblematico: con l’arrivo di Katrina la sua popolazione ha fatto registrare un crollo da 463 mila abitanti a 93 mila. A gennaio era risalita a 173 mila, oggi conta circa 214 mila residenti, ma più della metà manca ancora all’appello. E difficilmente farà ritorno, perché si è ormai stabilita altrove. Una sorte analoga è toccata anche alle altre contee confinanti (una sintesi dei dati più significativi è offerta anche dall’Earth Policy Institute, istituto statunitense per un’economia sostenibile guidato da Lester Brown).

 

In totale sono circa 375 mila i residenti che non sono ancora tornati, 250 mila dei quali hanno ormai deciso di stabilirsi altrove comprese aziende che vogliono abbattere i costi ciclici per la ricostruzione e quelli delle assicurazioni, cresciuti in solo anno dell’80 per cento. Tra le loro ragioni non c’è infatti solo la paura di nuove catastrofi, ma anche la scarsa convenienza economica di una vita costantemente esposta al rischio. Che non può che diminuire se è vero che, come sostengono gli esperti, il cambiamento climatico è solo all’inizio e che fenomeni come Katrina sono solo i primi di una lunga serie.

  • Archivio Terremoti ed Altri Eventi Catastrofici
  • Ricerca personalizzata
    LIBRI
    Adolescenti Ragazzi
    Arte Musica
    Bestseller Generali
    Biografie
    Consultazione ed Informaz.
    Diritto
    Economia e Business
    Fantascienza
    Fantasy
    Fumetti e
    Gialli e Thriller
    Hobbi e Tempo Libero
    Horror
    Humor
    Informatica e Internet
    Letteratura
    Libri altre lingue
    Libri inglese
    Libri bambini
    Lingue linguistica
    Narrativa
    Politica
    Religione
    Romanzi rosa
    Salute Benessere
    Scienze Medicina
    Self-Help
    Società Scienze Sociali
    Sport
    Storia
    Viaggi

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO