TuttoTrading.it



SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 21/09/2010 Aggiornamenti Ecomostro - Il rifiuto dei cittadini - Il MoVimento 5 Stelle sull’Eco-Mostro (nickcarter67 )

    Ricerca personalizzata

    10/10/2010 Comunicato stampa sull' impianto di depurazione (Comune di Torre del Greco, il sindaco on. dott.Ciro Borriello)

      “In merito alla questione del famoso impianto di depurazione di acque nocive pericolose e non da costruire a Torre del Greco, in località Villa Inglese mi ritengo sostanzialmente soddisfatto e fiducioso sugli esiti dell’incontro tenuto stamani in regione.

    Appezzo la sensibilità di questa amministrazione regionale e confido con seri motivi e ragioni che non vedremo alcun nuovo ecomostro sul nostro territorio”.

    Così Ciro Borriello, sindaco di Torre del Greco. “Adesso aspettiamo – prosegue - sul posto la visita della Commissione regionale congiunta Infrastrutture e Ambiente  per una verifica dal vivo di quanto ampiamente rappresentato agli organi competenti.

    Ricordo che in proposito, fin dal mio insediamento, ho personalmente messo in campo ogni possibile azione per scongiurare un progetto avviato nella precedente consiliatura”. “Ancora una volta mi preme ribadire – precisa il primo cittadino - che la revoca del depuratore da realizzare spetta unicamente all’assessorato all’Ambiente della regione Campania e sono certo che sarà finalmente concessa la massima attenzione per revocare ogni atto. Ribadisco che ho da tempo significato il nostro dissenso nelle più alte sedi istituzionali, dalla Presidenza della Repubblica al Ministero dell’Ambiente, dalla Prefettura alla Procura della Repubblica, nonché all’Assessorato regionale dell’Ambiente che ha emesso allora l’autorizzazione”.

    “Ritengo doveroso sinceramente ringraziare – conclude Ciro Borriello - tutti coloro che a varo titolo si stanno adoperando affinché sia definitivamente annullato questo sciagurato progetto. In particolare ringrazio la consigliera Anita Sala per aver riacceso l’interesse in regione”. 

    09/10/2010 Depuratore a Torre del Greco: “Al via il nuovo studio di impatto ambientale” (Arnaldo M.Iodice, http://www.lapilli.it)

    tdg_palazzobaronale3

    La II commissione consiliare approva le richieste della “Rete civica anti-depuratore industriale”, e la questione passa al consiglio comunale. In un incontro tra una delegazione della rete e la commissione che ha poteri in urbanistica, traffico e viabilità,  associazioni di cittadini e amministrazione comunale sono convenuti su di un punto: “Bisogna riconsiderare l'impatto ambientale”.

    Per questo la delegazione ha chiesto ed ottenuto di mettere a verbale che l'amministrazione comunale si impegnerà "a fare i dovuti studi ambientali di integrazione alla valutazione di impatto ambientale (VIA)". “La commissione – spiega il consigliere Vittorio Guarino, presente all'incontro di giovedì –, spinta dalla rete, ha deciso di cercare personalità professionali importanti per redigere un nuovo studio relativo all' impatto ambientale che dovrebbe avere l'impianto di depurazione”.

    Insomma, dovrebbe finalmente essere preparato il documento richiesto dall'assessore regionale all'ambiente, Giovanni Romano, e che rappresenta una delle ultime barriere da porre sul cammino della Wisco, la società che ha già in mano tutte le autorizzazioni necessarie per la costruzione dell'impianto di depurazione.

    “In più – spiega Giuseppe Stasio – l'amministrazione si è impegnata a rispondere per iscritto ai quattro quesiti posti dalla rete civica. Ora staremo a vedere cosa succede: l'amministrazione ha detto di avere intenzione di ascoltarci. Vedremo se, nella pratica, andrà così”.

    Intanto il programma del consiglio comunale, convocato per martedì 12 ottobre a Palazzo Baronale, è stato integrato con un nuovo ordine del giorno presentato dai consiglieri Guarino ed Ascione: “Problematica riguardante la realizzazione dell’impianto dei reflui industriali da installarsi in località S.M. La Bruna presso le Officine Grandi Riparazioni Ferrovie di Trenitalia”.

    “Quest'ordine del giorno – spiega Guarino – è stato presentato prima dell'incontro con la II commissione, ma chiede essenzialmente le stesse cose: avrei anche potuto ritirarlo, ma ho pensato che, oltre l'avallo della commissione, sia importante anche quello dell'intero consiglio comunale. Approvando quest'ordine del giorno anche martedì, daremo al documento una forza maggiore”.

    http://www.lapilli.eu

    21/09/2010 Aggiornamenti Ecomostro - Il rifiuto dei cittadini - Il MoVimento 5 Stelle sull’Eco-Mostro (nickcarter67)

    Il terzo millennio si è aperto con la sfida della sostenibilità, l’uomo moderno non può più pensare di sfruttare il nostro pianeta in maniera illimitata per cui ci si deve attrezzare per ripensare totalmente lo stile di vita basato su una rapida fruizione delle merci con la conseguente produzione di montagne di rifiuti.

    Le soluzioni sono a portata di mano, basta volerlo e applicarsi con perseveranza anche nel quotidiano vissuto di ognuno: Differenziare i rifiuti dividendoli con cura, dare la preferenza a quei prodotti con pochi imballaggi e soprattutto avere cura e amare la nostra città come se fosse la continuazione della casa nella quale viviamo. E’ brutto vedere che Torre del Greco è diventata una città sporchissima, è troppo comodo però dare la colpa solo ad un’amministrazione che certamente di suo fa di tutto per complicare i problemi.

    L’abolizione dei cassonetti ha contribuito in maniera drammatica al peggiorare della situazione igienica della città con rifiuti lasciati sui marciapiedi alla mercè di animali randagi e veicoli che li spargono sull’asfalto. E’ anche vero però che spesso sono i cittadini con l’inosservanza delle più elementari regole a contribuire a quella che sta diventando una vera e propria emergenza con sacchetti di rifiuti ancora oggi gettati a tutte le ore. Inoltre nei luoghi di ritrovo davanti a bar e locali, nelle piazze e in tutte le strade di Torre si cammina tra lattine, cartacce, escrementi, bottigliette di plastica e altro sudiciume buttato a terra ormai senza vergogna alcuna. Per non parlare delle masserizie, vecchi elettrodomestici, mobili e altro che con sempre più frequenza vediamo gettati nelle nostre bellissime pinete o lungo le strade di periferia della nostra città diventate ormai discariche brutte e maleodoranti.

    Sensibilizzare quando si assiste a questi gesti, magari con un sorriso e qualche parola giusta, serve a infondere il senso civico a chi ne è sprovvisto.  Informare amici, parenti e conoscenti che è possibile gettare via i rifiuti ingombranti nelle apposite isole ecologiche oppure portandoli al centro raccolta a viale Europa a Leopardi in maniera assolutamente gratuita è un atto d’amore per il quale la città ci sarà eternamente grati.

    Vivere in una città pulita fa bene alla salute, all’umore e all’economia, sarà possibile vendere al meglio ai turisti le inestimabili bellezze della nostra Terra e soprattutto le generazioni future ringrazieranno.

  • Archivio Torre del Greco News
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti

    Clicca qui!

    VAI ALLA MAPPA DEL SITO