TuttoTrading.it

 Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • M5S TDG
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics
  • 28/12/2011 Circumvesuviana, il 28 Dicembre le proteste degli utenti e la consegna delle firme

    Ricerca personalizzata

    Oggi Mercoledi 28 alle ore 11 vi è stato il raduno di quanti volevano manifestare con la loro presenza le ragioni di un disagio e difendere il Diritto alla Mobilità e il futuro di un'azienda dal passato glorioso. Un momento di insieme, prima di recarsi in Regione a depositare il plico con le firme e la richiesta di un'impegno per garantire un servizio di trasporto ferroviario dignitoso!!!

    Il manifestino recitava così: Il taglio delle corse della Circumvesuviana e i continui disagi dovuti alla soppressione improvvisa di alcuni treni stanno rendendo un' avventura il viaggio di noi pendolari.

    Per dire basta a tutto questo abbiamo dato vita ad un comitato spontaneo che ha raccolto insieme ad associazioni e movimenti su tutto il territorio vesuviano migliaia di firme che questa mattina saranno consegnate al presidente della giunta regionale Caldoro insieme ad una lettera per chiedere più risorse finanziarie per il trasporto pubblico locale in modo da permettere alla circimvesuviana di garantire degli standard ottimali nel servizio di trasporto.

    Questa è solo una tappa che chiude il lavoro fatto in questi mesi del 2011 con l' augurio che l' anno che verrà possa vedere il trasporto pubblico locale al centro degli interessi del governo nazionale e regionale

  • Foto dell' evento

  • Secondo album Foto dell' evento

  • Terzo album Foto dell' evento

  • Link n1 dell' evento su Facebook

  • Link n2 dell' evento su Facebook

    Alle 12,30 circa tutti gli attivisti si sono recati alla regione per consegnare le firme

    26/12/2011 Circumvesuviana, il 28 Dicembre le proteste degli utenti (http://networkedblogs.com/s2ITl)

    Sono diversi mesi ormai che gli utenti del trasporto locale della Circumvesuviana convivono con tagli alle corse, soppressioni e vagoni super-affollati. Eppure basti pensare che la Circumvesuviana collega la provincia più densamente abitata d’Europa alla città di Napoli. Si stima infatti che l’utenza trasportata si attesti sui 47 milioni di viaggiatori all’anno (dato sempre in aumento) che utilizza la rete ferroviaria vesuviana.

    L’azienda, la Circumvesuviana Srl, che un tempo rappresentava un vanto, vive da diversi anni un periodo nero, tanto da arrivare ad un passo dal collasso. I dipendenti in varie occasioni hanno manifestato il loro dissenso, incrociando le braccia, nei confronti dei ritardi sui pagamenti degli straordinari sulle proprie buste paghe. E gli utenti che subiscono quotidianamente un servizio di pessima qualità? Beh…viaggiano come pecore, si lamentano, pagano il biglietto, somatizzano quotidianamente tutte le disfunzioni di un servizio scadente. Stazioni sporche, biglietterie inesistenti (per tagliare costi al personale), tornelli mal funzionanti, mancanza di controlli, treni in perenne ritardo, convogli fatiscenti e chi più ne ha più ne metta. Le cause? “Mancano i  fondi” dicono. Effettivamente il governo centrale sta tagliando anche i finanziamenti al trasporto locale (da 2,1 mld di euro erogati alla Regione a 400 mln di Euro a cui però si sommeranno altri fondi in arrivo per un totale di 1,7 mld). A questo si aggiunge un deficit di bilancio 500 mln di Euro da parte di EAV (Ente Autonomo Volturno), holding dei trasporti regionali, nel quale è presente Circumvesuviana che da parte sua “vanta” un debito per circa 150 mln di Euro (derivanti, a detta di alcuni, da crediti passati spettanti dalla Regione).

    Ebbene, cari signori, a noi, in realtà delle cause del fallimento di Circumvesuviana poco ci interessa. I debiti? Che li pagassero coloro che, attraverso una gestione molto “allegra” (vedi consulenze esterne per milioni di euro o stipendi e liquidazioni ad amministratori vari), li hanno creati! Quello che ci importa è che lo studente, il lavoratore ed in genere il cittadino che alla mattina si reca in stazione, paga il biglietto (e le tasse…) riceva un servizio degno di questo nome.

    Dunque è giunto il momento di passare dal “chiacchiericcio da bar” di utenti che si lamentano in maniera sterile all’ennesimo ritardo del treno, alla protesta. Difatti da diversi mesi è nato su Facebook (potere della rete) un gruppo che ha promosso una petizione, “No al taglio dei treni della Circumvesuviana“. In questi mesi sono state raccolte oltre 4000 firme ed ora è arrivato il momento di giungere all’atto conclusivo di un percorso di cittadinanza attiva durato mesi. Recita infatti l’ “evento” creato su Facebook dal Comitato:  

    Mercoledi 28 alle ore 11 presso la Stazione di “Porta Nolana” raduno di quanti vogliono manifestare con la loro presenza le ragioni di un disagio e difendere il Diritto alla Mobilità e il futuro di un’azienda dal passato glorioso.
    Un momento di insieme, prima di recarsi in Regione a depositare il plico con le firme e la richiesta di un’impegno per garantire un servizio di trasporto ferroviario dignitoso!!!

    Ora si vedrà di che pasta è fatta il popolo napoletano, tanto pieno d’orgoglio! 



  • Evento Movimento Cinque Stelle San Giorgio

  • Archivio Torre del Greco News
  • Archivio Trasporti
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO