TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • memoria
  • G.foibe
  • Inquin.
  • M'illumino
  • dimeno
  • M5S TDG
  • Ora sol.
  • legale
  • Peso
  • rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • Raccolta
  • bott.
  • Olio
  • esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • R.verde
  • S.mare
  • Scuole
  • ricicl.
  • Social
  • street
  • Solidar.
  • Shopping
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • droga
  • T.racc.
  • differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • V.rendere


  • 08/10/2009 Non ci resta che piangere. O giocare? Bloccare "Win for life" (AL, http://www.helpconsumatori.it)

    Ricerca personalizzata

    Dicono i sociologi e confermano gli economisti che nei momenti di crisi più nera c'è un'attività ludica che cresce moltissimo, contribuendo a svuotare ulteriormente le tasche delle famiglie: il gioco, la scommessa. Lo abbiamo visto di recente quando il montepremi del Superenalotto era arrivato a sfiorare i 150 milioni di euro (300 miliardi delle vecchie lire!). Da qualche settimana un altro gioco sta coinvolgendo sempre più milioni di italiani, il Win for life, se vinci hai una rendita assicurata di 4 mila euro per venti anni, praticamente una lauta pensione. Ma c'è il trucco e l'ingannevolezza denuncia Il Salvagente, perché in realtà la vincita va divisa fra tutti gli eventuali vincitori. Questo c'è scritto, sulla schedina di gioco, ma in caratteri piccoli e solo nella parte retrostante. Anche in questo caso, come per gli "abbonamenti" alle suonerie dei cellulari, il messaggio è praticamente illeggibile nelle frazioni di secondo in cui scorre sugli schermi televisivi.

    Cosi centinaia di migliaia di italiani vengono beffati e truffati due volte, peraltro con l'aggravante dell'uso della tragedia abruzzese per incentivare al gioco (gli spiccioli vanno alle vittime del terremoto...). La prima volta perchè vengono spinti a giocare. La seconda perché vengono ingannati anche nel gioco. Fa bene Il Salvagente a segnalare la vicenda all'Antitrust e vedremo anche l'esito che avrà la diffida e l'eventuale inibitoria annunciata da MDC. Certo è che anche questo massiccio ricorso all'illusione del gioco per risolvere problemi di una vita grama è un altro segnale forte delle difficoltà in cui versano le famiglie e della scarsa fiducia in un futuro di chances lavorative. Parafrasando il famoso film con Roberto Benigni e Massimo Troisi, potremmo amaramente concludere: "Non ci resta che giocare".

    08/10/2009 Il Salvagente e MDC: bloccare "Win for life" (GA, http://www.helpconsumatori.it)

    Il Salvagente ha presentato all'Autorità una segnalazione per pubblicità ingannevole: il consumatore non viene informato chiaramente sull'ammontare della vincita, ma lo scopre soltanto dopo aver giocato. MDC prepara azione inibitoria nei confronti di AAMS.

    Nonostante abbia appena 10 giorni di vita, l'ultima invenzione della Sisal, la lotteria "più che quotidiana" Win for life, ha già scatenato una serie di polemiche. Polemiche sulla febbre da gioco e sull'effetto dipendenza che creerebbe; qualcuno ha detto che si tratta di una "tassa mascherata".

    Di sicuro a 10 giorni dal suo lancio il nuovo gioco sta riscuotendo un grande successo e ci sono state già parecchie vincite; c'è anche chi è riuscito ad aggiudicarsi il vitalizio ventennale di 4mila euro mensili. Ma oggi la polemica su Win for life si inasprisce.

    Il Salvagente, rivista dei diritti, dei consumi e delle scelte, ha presentato all'Antitrust una segnalazione per pubblicità ingannevole. La questione sostenuta dall'avvocato Osvaldo Asteriti, famoso per le battaglie contro le lotterie istantanee, è la seguente: "il gioco presenta notevoli profili di invalidità e illegittimità e per questo va bloccato".

    E con l'avvocato Osvaldo Asteriti il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) ha predisposto un'azione inibitoria nei confronti dell'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS) per Win for life - Vinci per la vita.

    La prima cosa contestata dall'avvocato Asteriti è la vaghezza del montepremi e dunque "l'indeterminatezza dell'oggetto del contratto", che sarebbe la schedina che si compila. Si scopre l'ammontare della vincita, infatti, soltanto dopo l'estrazione poiché il premio si divide in base ai vincitori (e questo lo si è scoperto soltanto giocando!). Addirittura chi lunedì 5 ottobre avrebbe dovuto vincere i 4mila euro mensili, indovinando gli 11 numeri, ne ha vinti soltanto 1.333, dovendo dividere il premio con altri 2 vincitori.

    Questa, secondo l'avvocato, è pubblicità ingannevole poiché non mette il consumatore nelle condizioni di fare una scelta libera e consapevole. Nei bar e nelle ricevitorie di tutta Italia, infatti, le locandine pubblicitarie recitano a caratteri cubitali: "Con 10+il Numerone o 0+il Numerone vinci 4mila euro al mese per 20 anni". Soltanto sul retro della schedina si spiega, in piccolo, che la vendita va divisa per il numero dei vincitori. Ma la Sisal nella sua campagna pubblicitaria non lo ha detto chiaramente, non garantendo la tutela del consumatore e per questo il Salvagente ha chiamato in causa l'Autorità Garante della concorrenza e del mercato.

    http://www.helpconsumatori.it

  • Archivio Tutela del Consumatore
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO