TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 27/02/2007 ''Ciao capo sentinella''. Debutta il musical su papa Wojtyla dei giovani di Caltanissetta (Marco Fabi, http://www.korazym.org)

    Ricerca personalizzata

    Clicca qui per ingrandire| Andrà in scena il 9 e 10 maggio, lo spettacolo in due atti voluto dal vescovo e dai giovani della città siciliana. Il frutto di oltre un anno di lavoro per ricordare Giovanni Paolo II. Don Paolo Giulietti: sarà uno stimolo per tutti. L'anticipazione...

    Lo avevano promesso un anno fa e dato che la parola data si mantiene ora è tempo di raccogliere i frutti. I giovani di Caltanissetta sono pronti a debuttare in “Ciao capo sentinella!”, un musical in due atti dedicato a Giovanni Paolo II. Non si tratta di uno spettacolo amatoriale, ma di un progetto promosso dalla diocesi (a cominciare dal vescovo, mons. Mario Russotto), su cui sono stati investiti impegno ed energie, con l’obiettivo di proporre un momento di riflessione attraverso i linguaggi della musica. La trama è semplice: il 2 aprile del 2005, un gruppo di ragazzi, un sacerdote e un genitore pregano in piazza San Pietro per il papa ormai in agonia. La tristezza per la morte imminente a poco a poco svaniscono e affiorano sentimenti di serenità, di speranza, di gioia. I ragazzi rivivono nella loro mente - quasi come in sogno - i momenti delle Giornate Mondiali della Gioventù e la fiducia in Cristo che Wojtyla ha saputo trasmettere.

    Il risultato sono 90 minuti di musica, con 18 canzoni originali (scritte da Mario e Aldo Ferrara e don Salvatore Rumeo), interpretate da sei voci soliste e da un coro. “I dialoghi – spiegano gli autori - contengono volutamente delle espressioni linguistiche non sempre conformi ad un corretto stile della lingua italiana, ma più aderenti al linguaggio giovanile. Le musiche cercano di riprodurre le sonorità tipiche dei paesi che hanno ospitato le Gmg, mentre i testi delle canzoni traggono origine dai discorsi che Giovanni Paolo II ha rivolto ai giovani nel corso del suo pontificato”. “L’opera non vuole essere solo un omaggio ad un grande uomo, - continuano i ragazzi - ma l’espressione di una sincera gratitudine per l’amore che Karol Wojtyla ha donato ad ogni uomo e ai giovani in modo particolare. Non un modo per perpetuarne il ricordo ma un mezzo per diffonderne il messaggio rivisitando, al contempo, il profondo e intenso rapporto tra Giovanni Paolo II e i giovani; rapporto che trova la sua più felice realizzazione nelle GMG, di cui lo stesso papa si è reso promotore”.

    Uno spirito condiviso anche dalla Conferenza episcopale italiana che ha voluto dare il suo patrocinio all’iniziativa, attraverso il Servizio nazionale di pastorale giovanile. “La narrazione e le canzoni – spiega a riguardo don Paolo Giulietti, direttore del Snpg della Cei - non fanno altro che ripercorrere le tappe salienti di una relazione, quella tra i giovani e il “loro” papa, caratterizzata dal desiderio incessante di un incontro autentico”. “Nei ragazzi e negli adulti protagonisti del musical ci possiamo riconoscere un po’ tutti”, continua Giulietti, secondo il quale il musicale rappresenta “un’occasione di vicinanza ad una grande anima, che continua a voler bene ai giovani e ad essere grato per la loro amicizia, il loro entusiasmo, la loro musica, la loro voglia di incontrare Cristo attraverso il volto e le mani di qualcuno che sappia prima di tutto accoglierli così come sono”.

    “Ciao capo sentinella” coinvolge più di 50 giovani tra attori, cantanti e ballerini e si avvale di professionalità locali. I dialoghi sono stati curati da Graziella Candura (Responsabile diocesana di Pastorale Giovanile), le musiche da Mario Massimo Ferrara (Segretario diocesano di Azione Cattolica), i testi delle canzoni da don Salvatore Rumeo (direttore diocesano di Pastorale Giovanile nonché parroco della chiesa "Sacro Cuore" in Caltanissetta). La regia è di Aldo Ferrara (Amministratore diocesano di Azione Cattolica). Le coreografie sono curate da Patrizia Reas, le luci da Aldo Miserandino, i costumi da Giselda Di Carlo, gli arrangiamenti musicali da Eugenio Cardillo, e il coro è stato diretto da Augusto Fiore.

    La prima del musical andrà in scena la sera del 9 maggio presso il Teatro "Margherita" di Caltanissetta.

  • Archivio Vaticano
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO