TuttoTrading.it

SITO

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 19/02/2007 Come Welby ma nell' ombra (Cinzia Frassi, http://www.altrenotizie.org)

    Ricerca personalizzata

    Abbiamo sempre bisogno di montare un caso per renderci conto dell’evidenza di un problema stringente da risolvere? Abbiamo sempre bisogno di commuoverci per riflettere? Probabilmente è così, ma va da sé che oggi il fast non declina solo il cibo. L’informazione è un pozzo profondo dove tutto ha visibilità per il tempo necessario ad essere inghiottito dalla voragine che restituisce poi una facile abitudine a scordare. Dimenticare fino al prossimo nome e cognome che ci commuoverà. Dimenticare fino a che la politica non ne farà occasione per dividersi biecamente tra i peccatori al servizio del cupolone e gli altri, lasciando molto spesso un nulla di fatto sul tavolo della sofferenza altrui. Ecco che al posto di Piergiorgio Welby oggi troviamo un altro dramma della sofferenza senza speranza. Giovanni Nuvoli, 53 anni, di Alghero, ricoverato all’ospedale civile Santissima Annunziata di Sassari nel reparto di rianimazione, da sei anni vive attaccato a un respiratore.

    Come Welby è immobilizzato a letto dalla distrofia muscolare miotrofica. Come Welby è tenuto in vita da un respiratore artificiale e può muovere solo gli occhi. Come Welby ha chiesto ai medici di sospendere la somministrazione di aria ai polmoni, previa sedazione, rifiutando quindi di continuare ad essere sottoposto ad un trattamento sanitario. Il Primario del reparto di rianimazione Demetri Vidili però si è rifiutato di staccare la spina che lo tiene in vita da circa cinque anni.
    Come Welby si è rivolto al Tribunale, ma il gup Maria Teresa Lupinu ha accolto la richiesta di archiviazione del reato di violenza privata cui era incorso il Primario rifiutandosi di ottemperare le richieste di Giovanni. Come Welby nulla di fatto. Mario Riccio, l’anestesista che aveva accolto le richieste di Piergiorgio Welby, a proposito di questo caso, ha dichiarato che “è difficile considerare che una struttura pubblica non possa adempiere ai diritti dei pazienti”.

    Del resto, sono molte le cose difficili da considerare.
    Prima fra tutte la disinvoltura con la quale, dopo Welby, si è passati a parlare d’altro, nonostante siano parecchi oggi i malati a soffrire a causa del deficit del diritto all’autodeterminazione e alla libertà di decidere della propria vita e delle cure in caso di malattia. Accanto a Giovanni Nuvoli ci sono altri nomi, altre sofferenze, altri situazioni che passano inosservate. E’ il caso ad esempio di Giuseppe Nardi, 55 anni, paraplegico da quindici anni a causa di un incidente stradale, che denuncia di “essere stato preso in giro da sindaci e ministri”. Gli avrebbero promesso di sperimentare cure con le cellule staminali, ma il tempo è passato e nulla è stato fatto. La moglie denuncia il disinteresse delle istituzioni locali, si sente presa in giro. Giuseppe arriva a chiedere di “morire per essere almeno una bocca in meno da sfamare, una spesa in meno per la famiglia”.
    In questa Italia dove si muore per un appendicite, dove l’assistenza ai malati costretti dalla malattia ad una vita immobile si scontra con budget confezionati dall’arte del risparmio ad ogni costo del governo di turno, dove la ricerca scientifica al verde si scontra ancora con i diktat del verbo cattolico, sono i malcapitati a dare corpo – letteralmente – a battaglie per i diritti di vita e di libertà di tutti noi.

    Difficile da considerare e da accettare anche l’ingerenza, che si fa sempre più violenta ed oscurantista, della Chiesa su questioni relative la vita di tutti i cittadini, arrivando perfino a rappresentare i limiti della famosa, quanto fumosa, carità cristiana, quando si rifiuta di celebrare in Chiesa i funerali per Piergiorgio Welby.
    Pare che sia sempre più difficile per la politica di coloro che si dichiarano laici puntare i piedi su questioni come Testamento biologico, eutanasia passiva od omissiva e sul diritto all’autodeterminazione di ciascun malato. L’arrembaggio della Chiesa su questioni morali, che arriva negli ultimi giorni a pavoneggiare la sua potestas con un possibile documento vincolante per i cattolici a proposito dei Dico, appare un pressing sempre più insistente ed ostinato.

    Il risultato è che guarda caso, non solo ci arrivano notizie sempre più sussurrate, dopo Welby, circa i casi in cui il malato chieda la sospensione di un trattamento sanitario che lo tiene in vita, ma peggio arrivano quelle riguardanti per lo più casi di distrofia muscolare. Ancora, è difficile considerare che non ci siano altre situazioni di sofferenza tali per cui il malato non chieda di sospendere le cure come un viatico per la fine della sofferenza, cercando la morte.

    Intanto Ignazio Marino, presidente della commissione Sanità al Senato spiega che, con la Convenzione di Oviedo, recepita nel nostro ordinamento grazie all’approvazione al Senato del decreto milleproroghe, “il paziente potrà in qualsiasi momento della terapia togliere il consenso ad un determinato trattamento”. La Convenzione per la protezione dei diritti dell’Uomo e della dignità dell’essere umano nei confronti delle applicazioni della biologia e della medicina, a dieci anni dalla sua firma, dovrebbe quindi a breve mettere ai ferri corti il governo.

    Non sono difficili le considerazioni che probabilmente ci troveremo a fare quando il ministro della Salute Livia Turco emetterà i decreti necessari per rendere effettive le norme della Convenzione nel nostro ordinamento giuridico. E’ sempre facile constatare la censura sul tema eutanasia. Meno facile sarà accettare chiusure e reticenze sul testamento biologico.

  • Archivio Vita e Morte
  • Ricerca personalizzata

     Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti



    VAI ALLA MAPPA DEL SITO