TuttoTrading.it




Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.2020
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • Acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • Urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • Circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • Memoria
  • Grandi
  • Temi
  • Inquinam.
  • M'illumino
  • di meno
  • M5S TDG
  • Ora solare
  • Legale
  • Peso
  • Rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • PoP
  • Raccolta
  • Bottiglie
  • Olio
  • Esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • Rivoluzione
  • verde
  • Salviamo
  • Mare
  • Scuole
  • riciclone
  • Shopping
  • Social
  • Street
  • Solidar.
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • TDG
  • Rifiuti
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • Droga
  • T.raccolta
  • Differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • Vuoto
  • a rendere


  • 29/05/2014 Pannolini, assorbenti, tamponi: dalle meduse

    Ricerca personalizzata



    Per creare assorbenti e tamponi completamente biodegradabili si possono utilizzare le meduse, per un prodotto più sostenbile che potrebbe sostituire pannolini, spugne, assorbenti e tamponi attualmente sul mercato, la maggior parte dei quali è costituito da materiali sintetici inquinanti. Il nuovo prodotto sarebbe biodegradabile in 30 giorni, sarebbe sicuro e permetterebbe di giustificare una caccia sfrenata alle meduse che, a causa dell' aumento dell' inquinamento, stanno infestando rutti i mari. Insomma si risolverebbero due problemi, quello delle troppe meduse e quello dei troppi pannolini.





    Ma è davvero tutto così semplice e sicuro? Sembra di no perchè innanzitutto già vi sono delle valide alternative sul territorio dai pannolini e dagli assorbenti lavabili o biodegradabili alle coppette mestruali e poi si dovrebbe indagare meglio sulla proliferazione delle alghe dovuta a una concomitanza di fattori che vedono il "global warming" tra i principali responsabili in quanto il riscaldamento delle acque marine creerebbe un ambiente adatto alla loro proliferazione e favorisce anche le migrazioni degli esemplari abituati a vivere nei mari più caldi ma il fenomeno è causato anche dallo sfruttamento indiscriminato delle risorse ittiche e dalla consistente riduzione dei predatori come tonni, pesce spada e tartarughe, nonché dall'inquinamento dei nostri mari.







    Insomma non sembra logico distruggere questi animale senza rimuovere le cause del problema ma bisognerebbe rimuovere le cause alla base del fenomeno, con una politica di contrasto al riscaldamento globale, proteggendo la biodiversità e favorendo il ripopolamento delle specie marine e combattendo l'inquinamento dei nostri mari.

  • Info TuttoRaccoltaDifferenziata
  • Ricerca personalizzata