TuttoTrading.it




Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.2020
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • Acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • Urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • Circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • Memoria
  • Grandi
  • Temi
  • Inquinam.
  • M'illumino
  • di meno
  • M5S TDG
  • Ora solare
  • Legale
  • Peso
  • Rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • PoP
  • Raccolta
  • Bottiglie
  • Olio
  • Esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • Rivoluzione
  • verde
  • Salviamo
  • Mare
  • Scuole
  • riciclone
  • Shopping
  • Social
  • Street
  • Solidar.
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • TDG
  • Rifiuti
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • Droga
  • T.raccolta
  • Differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • Vuoto
  • a rendere


  • 06/12/2019 Migliora la qualità dei tuoi rifiuti. Differenza fra compostabile e biodegradabile

    Ricerca personalizzata







    Per non sbagliare la raccolta differenziata è necessario conoscere la differenza fra compostabile e biodegradabile. Tutto ciò che è compostabile è anche biodegradabile. Ma non tutto ciò che è biodegradabile è compostabile. Compostabile e biodegradabile non sono, dunque, sinonimi.

    Biodegradabile è una sostanza o prodotto che può subire la degradazione biologica o biodegradazione, che è in grado di scomporsi grazie all’azione di batteri, della luce del sole o di altri agenti fisici naturali, in composti chimici più semplici come l’acqua, l’anidride carbonica e il metano.

    Questo processo riguarda molti materiali perchè quasi tutti sono prodotti biodegradabili ma si differenziano per il tempo di degradazione: alcune sostanze riescono a scomporsi più velocemente mentre altre impiegano anche decine di anni o addirittura secoli.

    Per la normativa europea (EN 13432 del 2002) con il termine biodegradabile si intende qualunque prodotto sia in grado di decomporsi del 90% in sei mesi.




    Un materiale compostabile è, invece, quello che può essere sottoposto al compostaggio, cioè quello che, degradandosi, è in grado di trasformarsi in compost, che si può utilizzare come fertilizzante o concime naturale. Per essere compostabile un materiale deve riuscire a decomporsi entro 3 mesi per almeno il 90%. (UNI EN 13432 del 2002.)

    Per gli impianti di compostaggio possono sorgere dei problemi perchè il compost viene raccolto in meno di un mese per cui i materiali più spessi dovrebbero essere decomposti a parte anche se compostabili.

    E' chiaro che non tutti i prodotti biodegradabili sono anche compostabili in quanto il processo di biodegradabilità non è lo stesso per ogni materiale perchè i batteri che intervengono possono impiegare tempi differenti per decomporre gli oggetti.

    Bisognerebbe fare scelte consapevoli di acquisto scegliendo, quando è possibile, materiali che non impieghino troppo tempo a disperdersi.







    ALCUNI TEMPI DI BIODEGRADABILITA'

    cartone del latte 3 mesi

    contenitore di polistirolo 50 anni

    legno 1/3 anni

    legno verniciato 13 anni

    pannolino usa e getta 450 anni

    pannilino biodegradabile 1 anno

    quotidiani e riviste 4/12 mesi

    scatola di cartone 2 mesi

    sigaretta con filtro 1 anno

    torsolo di mela 2 mesi

  • Info Ambiente
  • Ricerca personalizzata