TuttoTrading.it

Home
Contatti

Informazione A.Informaz. Granditemi Dividendi Divid.2020 Divid.2021 T.Economia Tuttoborsa Tuttobanche Glossari T.Shopping Sicurezza Inf. Tuttoscuola Tuttoweb Tuttotrading

VAI ALLA MAPPA DEL SITO


23/05/2016 Spiagge: diritti dei bagnanti. Ed intanto iniziano le nuove analisi del mare a Torre del Greco

Ricerca personalizzata






Stamattina sono iniziati i nuovi prelievi ARPAC per la balneabilità a Torre del Greco, anche se, dopo la riunione del 12 maggio presso la Capitaneria del Porto, gli occhi erano puntati solo sulla zona delle Mortelle da Radice del molo Granatello a ex macello per delle analisi di fine aprile che hanno fatto perdere il colore blù a quella zona.

Già a fine aprile e durante tutto il mese di maggio sono state effettuate nella zona delle Mortelle delle analisi supplementari e con delimitazione crescente, tornando poi alla semplice analisi routinaria il giorno 18 maggio con ottimi risultati.





Per Torre del Greco si ricorda che le analisi di aprile hanno dato tutte degli ottimi risultati con presenza di schiuma marrone e rifiuti solidi in alcune zone. Per Ercolano bisognerà ancora aspettare.

In Capitaneria, intanto, stanno preparando la pulizia dei fondali del porto di Torre del Greco.







E riprendono le discussioni sui diritti dei bagnanti ricordando che le spiagge sono un bene di tutti e che l’accesso al bagnasciuga deve essere libero: questa area, infatti, è sempre esclusa dalla concessione demaniale. Pertanto, impedirne l’accesso ovvero richiedere un pagamento è una violazione di legge.

Per tutelare i diritti dei bagnanti, si ricordano alcune regole:

  • l’accesso alle spiagge è libero; gli stabilimenti devono, quindi, permettere il transito alla battigia.
  • la battigia (cioè la striscia di sabbia di 5 metri dove arriva l’onda) è a disposizione di tutti;
  • sulla battigia possono transitare tutti, ma non possono essere messi oggetti ingombranti come ombrelloni o sdraio;
  • le spiagge libere devono essere posizionate tra uno stabilimento e l’altro; il mancato rispetto del corretto intercalare tra spiagge libere e stabilimenti balneari deve essere segnalato al Sindaco;
  • la pulizia delle spiagge libere è a carico del Comune;
  • i prezzi sono liberi e (dovrebbero essere) rapportati alla qualità dei servizi.

  Per la violazione dei diritti dei bagnanti rivolgere le denunce:

  • alla Polizia Municipale;
  • ai Carabinieri;
  • alla Capitaneria di porto;
  • alle Associazioni dei consumatori.

  • Info Balneabilità
  • Ricerca personalizzata