TuttoTrading.it
Nascosto Image Banner 468 x 60



 Questo sito
  • Home
  • Mappa sito
  • Contatti
  • Scambia link
  • Vota Sito
  • Collabora
  • Pagina Pref.
  • Segnala Sito
  • Disclaimer

     Ec. Finanza
  • TuttoBanche
  • BorsaNews
  • BorsaQuote
  • BorsaGrafici
  • T. Economia
  • TraderNews
  • TraderArch.
  • Tradingonline
  • T. Dividendi
  • Gloss. Fin.
  • Glossario
  • ContoArancio

     Mondo Scuola
  • TuttoScuola
  • La Terra
  • Miss. Salute
  • Salute/Ben.
  • Adolescenza
  • Emergenze
  • T. Sondaggi
  • RaccoltaDiff.

     Mondo Internet
  • TuttoWeb
  • T. Download
  • T. Sicurezza
  • Gl.Sicurezza
  • Emigrazione
  • Quotidiani
  • TuttoMotori
  • T.Ricerche
  • T.Shopping
  • Racc.Diff.
  • Prev.meteo

     Mondo e Problemi
  • Mondo/Probl.
  • I Temi
  • Grandi Temi
  • Archivio Temi
  • T.Emergenze
  • T.Racc.Diff.

     Mondo Partenopeo
  • TuttoNapoli
  • TorreGreco
  • TuttoItalia
  • RaccoltaDiff.



    eXTReMe Tracker




    contatore visite
  • 07/07/2016 Goletta Verde 2016, rapporto Legambiente sul mare della Campania. Inquinata la zona di Ponte della Gatta

    Ricerca personalizzata






    Poichè i dati di luglio sull' inquinamento sono discordanti, SALVIAMO IL NOSTRO MARE ha inviato una interrogazione a Goletta Verde per la zona Ponte della Gatta ed una richiesta di accessi agli atti per Santa Maria la Bruna.

    Altre segnalazioni sono state inviate per posta certificata con foto ed indicazione del posto.

    Per le schiume e per i rifiuti è partita un' altra campagna de LA GRANDE ONDA.

    La Goletta Verde di Legambiente ha analizzato il mare delle coste campane e dai rilievi emerge l’inquinamento delle acque dovuto alla mancata depurazione. Su 31 punti analizzati, 20 presentano alte cariche batteriche, addirittura più del doppio del limite previsto dalla normativa.



    Il problema principale riguarda canali, fiumi e torrenti le cui acque non vengono depurate in maniera adeguata.



    L' inquinamento sarebbe forte in alcune zone quali la foce del torrente Savone a Mondragone; la foce del Regi Lagni, lo sbocco del canale di Licola, la foce Lagno vesuviano, la foce del fiume Irno e del fiume Sarno.

    Naturalmente è stato chiesto alla regione di monitorare e risolvere questo problema in tempi brevi.essendo i due parametri analizzati, gli enterococchi intestinali e gli escherichia coli, molto al di sopra del loro valore massimo.

    Queste le zone analizzate da Legambiente nelle province di Napoli, Salerno e Caserta:

  • Info Balneabilità
  • Ricerca personalizzata