TuttoTrading.it




Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.2020
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • Acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • Urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • Circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • Memoria
  • Grandi
  • Temi
  • Inquinam.
  • M'illumino
  • di meno
  • M5S TDG
  • Ora solare
  • Legale
  • Peso
  • Rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • PoP
  • Raccolta
  • Bottiglie
  • Olio
  • Esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • Rivoluzione
  • verde
  • Salviamo
  • Mare
  • Scuole
  • riciclone
  • Shopping
  • Social
  • Street
  • Solidar.
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • TDG
  • Rifiuti
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • Droga
  • T.raccolta
  • Differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • Vuoto
  • a rendere


  • 03/04/2020 Coronavirus a Napoli, morta maestra in pensione a Torre del Greco dopo un Calvario di 10 giorni in tre ospedali

    Ricerca personalizzata







    Un altro decesso a Torre del Greco , si tratta di Carmela Sannino, maestra in pensione di 69 anni, terza vittima dell’area periferica tra Postiglione e Santa Maria la Bruna dove il caso si fa sempre più preoccupante.

    Dopo 10 giorni di calvario in vari ospedali, la donna è stata trasferita all’ospedale di Caserta dove è deceduta questa notte.

    Marilina Vinci, una parente, aveva già denunciato ritardi e disservizi ma ora non c’è più nulla da fare, solo rabbia e dolore.




    Dieci giorni fa, quando si erano già verificati dei decessi di persone legate a questo ceppo con cui la famiglia aveva avuto contatti, è stato chiesto agli operatori del 118 di venire a casa.

    La donna, settantenne della zona Postiglione, era stata inizialmente curata da casa dal proprio medico di base ma con il presentarsi di serie complicazioni respiratorie fu trasportata dal 118 presso il vicino pronto soccorso dell’Ospedale Maresca dove fu intubata e allo stesso tempo le venne effettuato un tampone che diede esito negativo.







    Trasferita poi al Pellegrini di Napoli fu sottoposta ad un secondo tampone dall’esito positivo.

    I medici avevano capito che il suo quadro clinico, con polmonite bilaterale, fosse da Covid nonostante l’esito negativo e non disponendo di terapia adatta, è stato richiesto il trasporto al Vecchio Pellegrini di Napoli dove è stata curata da Covid solo quando è arrivato l’esito del secondo tampone, risultato positivo, domenica sera.

    Predisposto il trasferimento a Caserta, finalmente ieri sera i medici avevano richiesto l’autorizzazione per trattarla con il farmaco anti-artrite, ma era già troppo tardi, è morta stanotte.

    Il marito è ricoverato a Bosco e i figli sono in quarantena così come le tante famiglie distrutte qui in periferia, abbandonati dal mondo.

    I primi decessi della zona riguardano la zia 79enne e il nipote 46enne morti lo scorso 15 marzo a distanza di un’ora l’una dall’altro al Covid Center di Boscotrecase e sembre che il focolaio potrebbe essere stato un incontro religioso lo scorso 8 marzo in una tensostruttura della zona di cui due sacerdoti sono risultati positivi al virus. 

  • Info Malattie
  • Ricerca personalizzata