TuttoTrading.it

Home
Contatti

Informazione A.Informaz. Granditemi Dividendi Divid.2020 Divid.2021 T.Economia Tuttoborsa Tuttobanche Glossari T.Shopping Sicurezza Inf. Tuttoscuola Tuttoweb Tuttotrading

VAI ALLA MAPPA DEL SITO


12/02/2021 Covid: Rischio zona arancione per la Campania, oggi la decisione. A Torre del Greco nel mese di gennaio ed inizio di febbraio (dal 30 dicembre ad oggi) sono triplicati (da 203 a 602) i nuovi casi di positività al Covid


Ricerca personalizzata









Covid Campania: rischio zona arancione oppure gialla ma con aree con misure più stringenti ed il governatore De Luca aveva lanciato l’allarme in vista di San Valentino e del Carnevale dopo aver commentato negativamente le scene viste lo scorso weekend gli assembramenti sul lungomare di Napoli dovuti al bel tempo.

De Luca: “Dobbiamo sapere che se in questi giorni avremo le strade e le piazze d’Italia nelle condizioni dello scorso fine settimana, dovremo aspettarci nelle settimane successive una vera e propria esplosione di contagi nel nostro Paese. Riteniamo urgenti e indispensabili misure nazionali di prevenzione e contenimento”.

La Regione ha diffuso la relazione dell’Unità di crisi realizzato dopo la riunione del 9 febbraio dove è stato spiegato che con il sistema “Alert” alcuni Comuni, Province o macro zone della regione possono essere attenzionate e prendere misure più restrittive con la zona rossa.

ma a preoccupare è anche la situazione delle scuole con 29 focolai e cresce anche il numero di contagi nella popolazione di età scolastica.

De Luca potrebbe o rendere l’intera Campania zona arancione oppure fare delle micro zone rosse in alcuni comuni.

Sulla base del notevole incremento di contagi rilevato nel corso delle ultime settimane, l’ente Campania avverte: “Sulla base di tali evidenze, che dimostrano una diffusione del virus nelle fasce d’età anche riconducibili alla popolazione scolastica in preoccupante aumento, è stato elaborato un sistema di ‘alert’ al fine di individuare quei Comuni, Province o Macro-aree soggette ad incremento di contagi, idonee ad impattare in maniera significativa sull’incidenza della malattia stessa a livello regionale.”









Attualmente sono 30 i Comuni che superano la soglia critica, con una percentuale di positivi tra 36 e 40% e precisamente:

Partendo da quelli più colpiti si segnalano: Visciano, Avella, Cervino, Sant’Egidio del Monte Albino, San Prisco, Massa Lubrense, San Marco Evangelista, Sparanise, Torre Annunziata, Eboli, Atripalda, Casapulla, Santa Maria La Carità, Marigliano, San Marzano sul Sarno, Boscotrecase, Meta, Montesarchio, Villa Literno, Torre del Greco, Poggiomarino, Pimonte, Gragnano, Portici, Massa di Somma, Scafati, Somma Vesuviana, Pompei, Castellammare di Stabia e Qualiano.

17 comuni appartengono alla città di Napoli, 6 a Caserta, 4 a Salerno, 2 ad Avellino e 1 a Benevento.

Gli esperti avanzano anche una previsione secondo la quale i contagi continueranno ad aumentare in questo fine mese.

Prosegue regolarmente la campagna vaccinale: dosi somministrate in Campania 241.598 su 301.305 fiale consegnate.









TORRE DEL GRECO

Si riportano i dati riguardanti il Coronavirus degli ultimi cinque mesi a Torre del Greco, dal 20 agosto ad oggi, su tre colonne: la prima colonna riporta il totale degli  ammalati ospedalizzati, la seconda colonna riporta  il totale degli ammalati in isolamento domiciliare, la terza colonna riporta il totale dei deceduti.

20 agosto 0 1 20

30 agosto 0 15 20

30 settembre 1 28 20

10 ottobre 2 37 20

20 ottobre 6 85 20

30 ottobre 8 300 22

5 novembre 11 401 25

10 novembre 14 581 28

15 novembre 16 896 33

20 novembre 19 986 38

21 novembre 18 1020 39









22 novembre 18 1035 39

23 novembre 19 956 39

24 novembre 19 882 39

25 novembre 19 883 39

26 novembre 19 952 39

27 novembre 23 951 41

28 novembre 22 943 42

29 novembre 22 948 42

30 novembre 24 854 42

1 dicembre 26 808 42

2 dicembre 25 729 44

3 dicembre 25 670 45

4 dicembre 26 698 45

5 dicembre 26 704 46

6 dicembre 26 708 46

7 dicembre 27 627 48

8 dicembre 27 601 48

9 dicembre 29 450 52

10 dicembre 29 446 53

11 dicembre 30 441 53

12 dicembre 30 446 53

13 dicembre 30 451 53

14 dicembre 29 389 55

15 dicembre 31 363 57

16 dicembre 30 350 58

17 dicembre 37 252 58

18 dicembre 39 272 58

19 dicembre 40 279 58

20 dicembre 40 282 58

21 dicembre 40 281 61

22 dicembre 39 247 61

23 dicembre 42 215 61

24 dicembre 42 229 61

25 dicembre 42 233 61

26 dicembre 42 242 61

27 dicembre 42 263 61

28 dicembre 41 217 66

29 dicembre 43 213 66

30 dicembre 42 203 67

31 dicembre 43 231 67

01 gennaio 43 233 67

02 gennaio 42 255 67

03 gennaio 42 269 67









04 gennaio 44 241 68

05 gennaio 23 233 74

06 gennaio 23 241 74

07 gennaio 22 247 74

08 gennaio 23 260 74

09 gennaio 24 283 75

10 gennaio 24 288 75

11 gennaio 25 281 79

12 gennaio 27 294 79

13 gennaio 27 290 79

14 gennaio 29 333 79

15 gennaio 26 337 80

16 gennaio 25 350 81

17 gennaio 25 355 81

18 gennaio 29 308 82

19 gennaio 30 294 82

20 gennaio 29 307 83

21 gennaio 25 287 86

22 gennaio 27 286 86

23 gennaio 27 319 86

24 gennaio 27 383 86

25 gennaio 24 340 87

26 gennaio 24 349 87

27 gennaio 23 351 87

28 gennaio 23 363 87

29 gennaio 23 394 88









30 gennaio 23 416 88

31 gennaio 23 421 88

01 febbraio 23 436 89

02 febbraio 25 465 89

03 febbraio 27 457 92

04 febbraio 28 484 92

05 febbraio 29 519 92

06 febbraio 29 572 92

07 febbraio 29 576 92

08 febbraio 28 585 93

09 febbraio 29 587 96

10 febbraio 31 588 96

11 febbraio 33 602 96

12 febbraio

Nel mese di gennaio ed inizio di febbraio (dal 30 dicembre ad oggi) sono triplicati (da 203 a 602) i nuovi casi di positività al Covid e sono aumentati di 29 i decessi. Solo i malati ospedalizzati sono leggermente diminuiti(passando da 42 a 33 ma bisogna tener conto che molti malati in regime ospedaliero sono morti)







  • Info Malattie
  • Ricerca personalizzata