TuttoTrading.it




Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.2020
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • Acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • Urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • Circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • Memoria
  • Grandi
  • Temi
  • Inquinam.
  • M'illumino
  • di meno
  • M5S TDG
  • Ora solare
  • Legale
  • Peso
  • Rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • PoP
  • Raccolta
  • Bottiglie
  • Olio
  • Esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • Rivoluzione
  • verde
  • Salviamo
  • Mare
  • Scuole
  • riciclone
  • Shopping
  • Social
  • Street
  • Solidar.
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • TDG
  • Rifiuti
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • Droga
  • T.raccolta
  • Differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • Vuoto
  • a rendere




    eXTReMe Tracker


  • 06/02/2018 Il M5S propone una strategia marina nazionale per difendere e gestire il mare e la costa di Torre del Greco e di tutta la penisola

    Ricerca personalizzata






    La riqualificazione della costa e il disinquinamento del mare devono procedere in modo integrato.

    Per progettare la riqualificazione del territorio italiano, ricco di unicità, è necessario conoscere a fondo i problemi locali.

    A Torre del Greco le acque reflue civili, quando arrivano nei due depuratoridi villa inglese e San Giuseppe alle Paludi, vengono solo setacciate per liberarle di rifiuti grossolani, vengono poi disinfettate con abbondanza di ipoclorito di sodio (la candeggina) e quindi immesse in mare ad una certa distanza.





    Approfondisci su
  • Tavolo di lavoro in Capitaneria di Porto

    Salviamo il Nostro Mare ha ricevuto dalla Gori assicurazioni riguardanti la partenza del progetto di depurazione:
  • Conferma Gori sui depuratori a Torre del Greco







    Il nuovo progetto prevede, dunque, che questi reflui vengano inviati all'impianto di depurazione di Castellammare di Stabia, mediante una condotta sottomarina parallela alla costa ed è necessario capire se questo progetto è compatibile con il delicato equilibrio dell'ecosistema marino costiero e se il sistema riesce a resistere alle continue sollecitazioni dovute, su questo versante, alle condizioni meteomarine avverse e all'elevato idrodinamismo costiero, testimoniato dalla erosione del fondale e della costa.

    Inoltre, non si hanno elementi per capire come saranno gestiti gli scarichi a cielo aperto che sono stati trovati lungo la costa, anche se sarà possibile discuterne con la Gori e la Regione nel prossimo incontro organizzato da SALVIAMO IL NOSTRO MARE con la Capitaneria di Porto e la Guardia Costiera.

    La soluzione potrebbe essere quella di rivedere le leggi sulla tutela e la gestione ecosostenibile del mare a Torre del Greco e dei circa 8.300 km di costa di tutta la penisola.

  • Archivio Movimento a cinque stelle
  • Ricerca personalizzata