TuttoTrading.it




Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.2020
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • Acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • Urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • Circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • Memoria
  • Grandi
  • Temi
  • Inquinam.
  • M'illumino
  • di meno
  • M5S TDG
  • Ora solare
  • Legale
  • Peso
  • Rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • PoP
  • Raccolta
  • Bottiglie
  • Olio
  • Esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • Rivoluzione
  • verde
  • Salviamo
  • Mare
  • Scuole
  • riciclone
  • Shopping
  • Social
  • Street
  • Solidar.
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • TDG
  • Rifiuti
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • Droga
  • T.raccolta
  • Differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • Vuoto
  • a rendere


  • 09/08/2014 Riciclaggio tedesco

    Ricerca personalizzata





    In Germania le bottiglie di plastica, di vetro e le lattine sono riciclate nello stesso supermercato dove si comprano perchè su di esse si paga un deposito anche di 20-30 cemtesimi che viene poi restituito con il recupero della bottiglia.
    A fine operazione viene emesso uno scontrino che può essere utilizzato per la spesa in quel supermercato.
    Non si vede una bottiglia di plastica buttata per strada.





    In effetti in Germania vige un sistema di riciclaggio chiamato Pfand (o normativa Dpg Deutsche Pfandsystem GmbH),  ed è uno straordinario metodo di riciclaggio adottato in Germania già da qualche anno. Il sistema all’avanguardia dello Pfand, che in italiano potrebbe essere tradotto come “vuoto a rendere” o come “deposito”, è una delle ennesime iniziative del governo tedesco.
    Anche altri paesi utilizzano il metodo Pfand, un sistema semplice che costituisce un vero e proprio baluardo del riciclaggio, in quanto è stato disposto dallo stato , per l’acquisto di bottiglie in PET ( plastica) , allumino e  vetro un prezzo aggiuntivo su ciascuno di questi prodotti, chiamato appunto Pfand, con il quale il compratore al momento dell’acquisto si impegna a restituire il vuoto appena avrà consumato il prodotto e con il quale riceverà per contro il prezzo aggiuntivo versato.
    In pratica una bottiglia d' acqua di 50c si paga 75c e alla consegna del vuoto si ricevono 25c e lo scontrino sarà utilizzabile in qualsiasi supermercato per il corrispettivo dovuto.
    Le bottiglie tedesche devono tenere il logo “Pfand” posto su ognuna di esse che le macchine predisposte alla raccolta leggono questo logo “Pfand” stampato sulle bottiglie in quanto lo Stato tedesco ha imposto a tutte le industrie produttrici di acqua minerale e di qualsiasi altro prodotto commercializzato in bottiglie di plastica o vetro di adeguarsi obbligatoriamente alla normativa Dpg.







    In sostanza tutti i produttori sono obbligati ad attuare lo Pfand: ossia le bottiglie prodotte dall’industria dovranno essere raccolte, sterilizzate da apposite ditte di smaltimento tedesche e riconsegnate alle relative industrie, le quali quindi provvederanno a riciclarle rimettendole sul mercato, dopo aver ottenuto l’autorizzazione per eseguirlo: tutte le marche che attuano tale sistema di riciclaggio devono recare vicino al codice a barre un simbolo che viene letto dalla macchina di raccolta che le permette di essere accettata.

    Un sistema obbligatorio per le industrie ed incentivante per il consumatore con un sistema di chiara sensibilità civile che permette di ridurre drasticamente i rifiuti, perchè si arresta la produzione delle bottiglie, soprattutto di plastica, per i quali è richiesto un ciclo produttivo costoso e notevolmente inquinante per l' ambiente e per le falde acquifere.

    Ed è per questo motivo che si stanno spingendo le industrie verso l' uso del vetro al posto della plastica, per un minore inquinamento e per una maggiore possibilità di pulizia.

    Le industrie italiane, che prima della normativa Dpg vendevano i propri prodotti in Germania, con l’avvento di questo nuovo sistema sono state costrette a ritirare i propri prodotti dal mercato e per essere in regola con la normativa del Dpg, esse devono avere un conto corrente e il Gewerbe (licenza d’esercizio) in Germania ma per poter stampare il codice Dpg sull’etichetta le ditte devono avere un’autorizzazione internazionale che viene rilasciata pagando una tassa e questo scoraggia le ditte italiane con conseguete scomparsa dei prodotti italiani dal mercato tedesco.

    Questo lungo e costoso iter burocratico scoraggia le piccole ditte italiane che non trovano conveniente perdere tempo e denaro per accedere al mercato tedesco. L’effetto è una significativa perdita per i nostri importatori e la scomparsa dei marchi italiani dal mercato tedesco.

    Questo sistema costituisce un ostacolo al mercato italiano all’estero e perquanto venga utilizzato in molti paesi europei, in Italia il sistema dello Pfand è stato adottato in Italia solamente in alcuni comuni del Piemonte ( Alessandria e Valenza).

  • Info Raccolta bottiglie di plastica
  • Ricerca personalizzata