TuttoTrading.it

Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics
  • 12/07/2016 Ferma il mostro che sta soffocando il mare e minaccia la nostra salute: ferma la plastica!

    Ricerca personalizzata






    4 luglio, “Plastic Independence Day”: i volontari ripuliscono dalle plastiche la foce del Sarno





    I volontari di Marevivo e il personale del consorzio Castalia, assistiti dal comune di Torre Annunziata e dalla guardia costiera, in 48 ore hanno raccolto ben 4 metri cubi di plastica in due giorni di pulizia straordinaria alla foce del fiume Sarno per studiare anche l' impatto sull' ecosistema marino.







    L’operazione denominata «Sea Sweepers» è durata due giorni e con l' utilizzo delle imbarcazioni antinquinamento per acque basse di Castalia è stato controllato l’intrappolamento selettivo delle plastiche e delle barriere di protezione per la loro raccolta con reti sperimentali.

    Il progetto pilota è stato testato di fronte allo scoglio di Rovigliano e la scelta è dovuta al fatto che questo fiume è uno dei più sporchi e condiziona non solo la sporcizia del mare per la presenza di microplastiche ma anche la balneabilità del mare torrese di Rovigliano e di quello stabiese a via De Gasperi e sul lungomare è l’eccessiva presenza di metalli pesanti e di batteri.

    Marevivo, nell’ambito della sua Campagna «Mare Mostro», ha infine promosso la proposta di legge numero 3852, in base alla quale dal 1° gennaio 2019 protrebbe scattare il bando per prodotti cosmetici contenenti le micidiali microplastiche.

    L’uso di molti prodotti di bellezza sta alimentando il “mostro” della plastica.

    Si tratta di miliardi di microscopici frammenti di plastica che, sfuggendo a qualsiasi filtro, vengono ingeriti dagli organismi marini e finiscono direttamente nel piatto del consumatore e da qui la proposta di legge che dal 1° gennaio 2019 non sarà più consentito produrre e mettere in commercio prodotti cosmetici contenenti microplastiche.

    Ogni anno nel mondo vengono prodotte 280 milioni di tonnellate di plastica e si stima che nel 2050 diventeranno 400. Su questo scenario, si innesta uno studio presentato durante il “World Economic Forum”, che prevede che per il 2050 ci saranno più plastiche che pesci in mare. Secondo alcune ricerche, oltre il 10% di plastica prodotta viene gettato in mare, andando ad alimentare il “Mostro”.

    Gli impianti di trattamento e depurazione delle acque non sono in grado di catturare le microplastiche che arrivano direttamente a mare e vengono scambiati per cibo da diverse specie.

    I cosmetici hanno un contenuto in microplastiche che supera, talvolta, in peso la plastica di tutto il tubetto o la boccetta in cui sono venduti, specialmente negli scrub, nei bagnoschiuma, nei dentifrici ma anche i rossetti, le maschere, i mascara, gli idratanti, lo spray per capelli, le creme lenitive, le schiume da barba. 

    In Europa nel 2013, solo per i prodotti di bellezza, sono state impiegate quasi 5.000 tonnellate di microplastiche, finite quasi tutte in mare e con possibili ripercussioni anche per la salute umana.

  • Info Salviamo il Nostro Mare
  • Ricerca personalizzata