TuttoTrading.it




Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.2020
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni
    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    INFO
  • Acqua
  • Aliment.
  • Ambiente
  • Automot.
  • Balneab.
  • Banche
  • Bookcr.
  • Buttol
  • Case
  • Acqua
  • Colorare
  • Decoro
  • Urbano
  • Decresc.
  • dividendi
  • Donne
  • Economia
  • Economia
  • Circol.
  • Energia
  • En.rinnov.
  • Famiglia
  • Finanza
  • Foto
  • Giardini
  • Giornata
  • Memoria
  • Grandi
  • Temi
  • Inquinam.
  • M'illumino
  • di meno
  • M5S TDG
  • Ora solare
  • Legale
  • Peso
  • Rifiuti
  • Pishing
  • Politica
  • PoP
  • Raccolta
  • Bottiglie
  • Olio
  • Esausto
  • Rassegna
  • Riciclo
  • Rifiuti
  • R.affetto
  • R.zero
  • Rivoluzione
  • verde
  • Salviamo
  • Mare
  • Scuole
  • riciclone
  • Shopping
  • Social
  • Street
  • Solidar.
  • Spoofing
  • Storia
  • TDG
  • News
  • TDG
  • Rifiuti
  • Tumori rif.
  • Tutto
  • Droga
  • T.raccolta
  • Differ.
  • T.droga
  • T.scuola
  • Violenza
  • Vuoto
  • a rendere


  • 18/06/2020 Spiagge libere affidate ai privati: le regole da rispettare


    Ricerca personalizzata










    Secondo l’ordinanza numero 163 del 18 giugno 2020, l' attività balneare inizia  il  1 giugno e termina il 30 settembre. Questi i punti prencipali:

    Art. 5
    PRESCRIZIONI SULL’USO DELLE SPIAGGE IN CONCESSIONE O LIBERE E SPECCHI ACQUEI RISERVATI ALLA BALNEAZIONE
    Sulle spiagge, anche libere, stabilimenti balneari, varchi di accesso alla battigia ed assimilati, specchi acquei riservati alla balneazione, salvo quanto previsto da altre norme e regolamenti, e anche in considerazione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19

    È VIETATO:
    a) lasciare natanti in sosta ad eccezione di quelli destinati alle operazioni di assistenza e salvataggio o al noleggio, se muniti di relativo titolo concessorio, salvo che non siano individuate specifiche aree da destinarsi alle imbarcazioni dei pescatori locali;
    b) lasciare sulle spiagge libere, oltre il tramonto, ombrelloni, sdraio, tende e altre attrezzature in ogni modo denominate;
    c) occupare con qualsiasi attrezzatura (ombrelloni, sdraio, ecc.., nonché mezzi nautici) la fascia di 5 metri dalla battigia che è destinata esclusivamente al libero transito con assoluto divieto di permanenza, ad eccezione dei mezzi di soccorso;
    d) campeggiare, installare tende ovvero effettuare qualsiasi attività di tipo residenziale (cucinare, pernottare, etc.), accendere barbecue e fornelli da campeggio nonché accendere fuochi liberi direttamente sulla sabbia;:








    e) transitare e/o sostare con ogni tipo di veicolo, ad eccezione di quelli destinati alla pulizia delle spiagge e al soccorso;
    f) praticare qualsiasi gioco (calcio, tennis da spiaggia, palla a volo, basket, bocce etc..) se può derivarne danno o molestia alle persone, turbativa alla quiete pubblica nonché nocumento all’igiene dei luoghi, fatte salve le aree a tale scopo destinate ai sensi di legge;
    g) condurre o far permanere qualsiasi tipo di animale, se non munito di museruola o guinzaglio, accesso dei cani è consentito con le disposizioni di cui all’art. 12, c. 5 del “Regolamento comunale di tutela degli animali, approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario n. 19 del 18.04.2018″;
    h) tenere ad alto volume le apparecchiature di diffusione sonora nonché fare uso delle stesse dalle ore 14.00 alle ore 16.00 e dalle 01.00 alle ore 08.00 salvo diverse disposizioni derivanti dall’organizzazione di manifestazioni e/o eventi che andranno comunque preventivamente autorizzate; per quanto concerne i limiti da rispettare troveranno applicazione il D.P.C.M. 01.03.1991 ed eventuali Ordinanze in materia di Emergenza COVID;
    i) esercitare attività commerciali sia in forma fissa che itinerante, pubblicita, attivita promozionali, organizzare giochi, manifestazioni ricreative o spettacoli pirotecnici senza le prescritte autorizzazioni;
    j) gettare in mare e lasciare nelle cabine o sugli arenili rifiuti di qualsiasi genere, nonché accendere fuochi;
    k) introdurre e usare bombole di gas o altre sostanze infiammabili, senza fa prescritta autorizzazione, salvo quelle utilizzate dal concessionario per garantire i servizi fermo restando l’acquisizione delle prescritte autorizzazioni se richieste;
    l) sorvolare le spiagge e gli adiacenti specchi acquei con qualsiasi tipo di aeromobile o di apparecchio privato e per qualsiasi scopo a quota inferiore a 300 metri, ad eccezione di mezzi di soccorso e di polizia;
    f nelle aree demaniali affidate in concessione, l’utilizzo di stoviglie, posate, cannucce ed ogni altro manufatto monouso ad uso alimentare in plastica non biodegradabile e non compostabile.



    Art. 6
    DISCIPLINA DELLE AREE IN CONCESSIONE PER STRUTTURE BALNEARI
    Le strutture balneari sono aperte al pubblico, per la balneazione e/o esposizione al sole, dalle ore 07,30 alle ore 19,30.

    Chiunque gestisce strutture destinate alla balneazione ubicate sul demanio marittimo

    HA L' OBBLIGO

    1) di conformarsi alle condizioni stabilite nell' atto concessionarioe alle Ordinanze della Capitaneria di porta

    2) di le prescrizioni dell' allegato dell' ordinanza del Presidente della Regione Campania qui riportate:

    2.1. STABILIMENTI BALNEARI

    A – Accoglienza
    a) Per favorire un accesso contingentato, l’accesso avverrà con prenotazione (eventualmente on line), anche per fasce orarie, con registrazione degli utenti e mantenendo Un elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni, anche allo scopo di rintracciare retrospettivamente eventuali contatti a seguito di contagi.
    b) Per evitare code 0 assembramenti alle casse, deve essere favorito l’utilizzo di sistemi di pagamento veloci (card contactless) 0 con carte prepagate o attraverso portali/app web in fase di prenotazione.
    c) Gli operatori della biglietteria svolgono la propria attività: all’interno dell ‘ufficio biglietteria.

    d) La postazione di biglietteria deve garantire un adeguato isolamento tra operatore e cliente per mezzo di barriera fisica che ostacola il passaggio eventuale di infezione (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani.








    e) Riorganizzare gli spazi per garantire l’accesso allo stabilimento in modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone e di assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione delle persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale.

    f) La segnalazione della distanza di sicurezza di almeno un metro avverrà tramite applicazione a terra di elementi adesivi o simili. Deve essere predisposto un corridoio dove i clienti in attesa possano sostare in condizioni di generale sicurezza, nel rispetto delle distanze tra persone e tra nuclei omogenei.

    g) Potrà essere rilevata la temperatura corporea, impedendo l’accesso in caso di temperatura superiore a 37,5°C.

    h) I percorsi di entrata e uscita, ove possibile, devono essere differenziati prevedendo chiara segnaletica  dell’orientamento dell’utenza.

    i) L’accesso alle aree in concessione, non altrimenti attrezzate dal concessionario, & regolamentato garantendo che siano comunque osservate le misure di distanziamento sociale (steward in spiaggia).

    l) Il concessionario garantisce anche mediante idonea cartellonistica o periodici messaggi audio la diffusione delle norme d’uso e accesso allo stabilimento, in linea con le misure di prevenzione del Codid-19.

    B-ZONE OMREGGIO E SOLARIUM vedere documento originale

    C-SERVIZI E SPAZI COMPLEMENTARI vedere documento originale

    D-MISURE IGIENICOSANITARIE vedere documento originale

    SPIAGGE LIBERE
    Al fine di assicurare il distanziamento sociale di cui l’ordinanza del Presidente della Regione Campania n° 50 del 22/05/2020 ed evitare assembramenti nelle spiagge libere, l’Amministrazione comunale con deliberazione della Giunta Comunale dell’ 11.06.2020, ha provveduto, in ottemperanza a quanto previsto nell’allegato Sub 1, ad approvare regolamentazione degli arenili liberi, prevedendo, tra l’altro, la gestione degli arenili liberi mediante convenzione con soggetti privati, e attenendosi a quanto riportato qui di seguito:

    ART.1 INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE:

    1.1 Per favorire l’informativa all’utenza, è necessaria affissione nei punti di accesso – che dovranno essere puntualmente individuati – alle spiagge libere di cartelli in diverse lingue contenenti: indicazioni chiare sui comportamenti da tenere, in particolare il distanziamento sociale di almeno un metro ed il divieto di assembramento,


    1.2 Anche al fine di favorire il contingentamento degli spazi, va preliminarmente mappato e tracciato il perimetro di ogni allestimento (ombrellone/sdraio/sedia) — ad esempio con posizionamento di nastri (evitando comunque occasione di pericolo) – che sarà codificato rispettando le regole previste per gli stabilimenti balneari, per permettere agli utenti un corretto posizionamento delle attrezzature proprie nel rispetto del distanziamento ed al fine di evitare l’aggregazione.
    1.3 Tale previsione permetterà di individuare il massimo di capienza della spiaggia anche definendo turnazioni orarie e di prenotare gli spazi codificati, anche attraverso utilizzo di app/piattaforme on line.
    1.4 Tale modalità favorirà anche il contact tracking nell’eventualità di un caso di contagio.








    1.5 Sulla battigia è vietato stazionare, salvo per chi ha comprovate esigenze terapeutiche;
    1.6 Devono essere assicurate opportune misure di pulizia della spiaggia e di igienizzazione delle attrezzature comuni, come ad esempio i servizi igienici, se presenti.
    1.7 In ogni caso, area delle spiagge libere comunali sarà presidiata da addetti alla vigilanza,
    1.8 Tra le attrezzature di spiaggia (ombrelloni, lettini, sdraie, ecc.) posizionate dai turisti dovrà essere garantita la distanza minima di 1,5 metri luna dall’altra; le distanze interpersonali possono essere derogate per le persone che in base alle disposizioni vigenti non siano soggette al distanziamento interpersonale (detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale).
    1.9 Devono essere assicurate dal Comune o da soggetti da esso incaricati opportune misure di pulizia della spiaggia e di igienizzazione delle attrezzature comuni, come ad esempio i servizi igienici, se presenti.
    1-10 Non trattare in alcun caso spiagge, terreni, arenili o ambienti naturali con prodotti biocidi;
    1-11 Evitare uso promiscuo di qualsiasi attrezzatura da spiaggia;
    3) di comunicare all’Ufficio Demanio del Comune di Torre del Greco, nonché alla Capitaneria di Porto di Torre del Greco, le date di apertura delle attività;
    4) di esporre in luogo ben visibile agli utenti copia della presente ordinanza nonché della vigente ordinanza dell’Autorita Marittima;
    5) di esporre con idonea cartellonistica ed in luogo ben visibile agli utenti l’elenco dei prezzi dei servizi offerti;
    6) di consentire al pubblico l’accesso gratuito attraverso le concessioni demaniali per il raggiungimento della battigia antistante l’area ricompresa in concessione demaniale anche al fine di balneazione;
    7) di garantire accesso gratuito ai minori di anni 12;
    8) di delimitare l’area in concessione, fatta salva la fascia dei 5 metri dalla battigia;
    9) di garantire il servizio di soccorso e assistenza ai bagnanti con la presenza ogni 80 (ottanta) metri di fronte mare o frazione, di almeno un assistente abilitato al salvataggio e provvisto di uno dei seguenti brevetti in corso di validità, rilasciati dalla Federazione Italiana Nuoto, Società Nazionale di Salvamento o dalla Federazione Italiana Salvamento Acquatico. Il servizio di assistenza bagnanti dovrà essere svolto in conformità e secondo le modalità previste dall’Ordinanza del Capo del Circondario Marittimo;
    10) di vietare l’occupazione delle cabine per il pernottamento o per altre attività che non siano pertinenti alla balneazione. I concessionari devono provvedere ad opportuni controlli, prima della chiusura serale dello stabilimento per accertare l’assenza di persone nelle cabine;
    11) di curare la perfetta manutenzione e stato di pulizia giornaliera nonché di decoro di tutta la superficie in concessione e di tutti i manufatti insistenti su di essa. La pulizia e l’igiene delle aree in concessione deve essere effettuata fino al battente del mare ed anche dello specchio acqueo immediatamente prospiciente la battigia. La pulizia dovrà essere effettuata prima e dopo l’apertura dell’esercizio ed i materiali di risulta dovranno essere sistemati in appositi contenitori chiusi, da smaltire secondo le disposizioni di Legge in materia;
    12) di installare gli ombrelloni, laddove consentito, assicurando un distanziamento tra gli ombrelloni (0 altri sistemi di ombreggio) in modo da garantire una superficie di almeno 10 mq per ogni ombrellone, mantenendo il rispetto della distanza minima delle attrezzature dell’ombrellone contiguo di almeno 1,5 metri;
    13) di collegare i servizi igienici e le docce alla rete fognante comunale, ovvero munirsi di sistemi di smaltimento riconosciuto idoneo dal competente Ufficio Comunale Tutela dell’Ambiente, vietando l’uso di sapone e shampoo qualora siano utilizzate docce non dotate di idoneo sistema di scarico collegato con la rete fognaria comunale, installando appropriata cartellonistica che indichi il divieto di utilizzo di tali agenti chimici;
    14) di assicurare, ai portatori di handicap, l’accesso al mare mediante la realizzazione di percorsi perpendicolari alla battigia e la fruibilità completa di tutti i servizi offerti;
    15) le attrezzature balneari mobili, nell’ambito delle spiagge in concessione, devono essere posizionate dal gestore esclusivamente a richiesta degli utenti e devono essere rimosse dal medesimo al momento in cui l’utente lascia l’area.
    16) di indicare, con idonei segnali, pericoli noti e rischi a carattere permanente;
    17) di assicurare l’apertura delle attività rientranti nella concessione bar, ristoranti, etc., con le limitazioni previste dalle leggi vigenti e regolamenti comunali emanati in materia;
    18) di assicurarsi, prima di effettuare il noleggio e/o affitto di cabine spogliatoi, sdraio, lettini, ombrelloni, etc., che tali attrezzature siano in perfetta efficienza;
    19) di assicurarsi che le boe di cui & prevista l’installazione per corridoi di lancio, balneazione sicura ecc., siano ancorate con sacco di juta pieno di sabbia,
    20) di dotare ogni stabilimento d’idonee misure antincendio, nel rispetto della vigente normativa in materia;
    21) di dotare i servizi igienici per i diversamente abili, di cui alla legge 104/92, di apposita segnaletica arancione riportante il previsto simbolo internazionale ben visibile al fine di consentire la loro immediata identificazione.
    22) di allestire un apposito locale destinato a pronto soccorso. In detto locale dovrà essere tenuto, pronto all’uso, il materiale indicato nell’ordinanza della Capitaneria di Porto;
    23) di segnalare tempestivamente all’Autorità Marittima competente e/o alle Forze di polizia ali incidenti verificatisi sul demanio marittimo e negli specchi acquei antistanti.

    24) Esporre dichiarazione di inizio di attività, ordinanze uso arenili, stato di balneabilità ed eventuali pericoli, orari-servizi e tariffe, comunicazioni istituzionali


  • Disciplina balneazione







  • Info Salviamo il Nostro Mare
  • Ricerca personalizzata