TuttoTrading.it
Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 26/02/2016 Pieno sostegno alla battaglia in difesa del Maresca durante il consiglio comunale in cui si approva all’unanimità l' ordine del giorno sull’ospedale

    Ricerca personalizzata






    Si è svolto al comune il consiglio comunale monotematico durante il quale è stato votato, quasi all' unanimità, un documento che chiede al presidente della giunta regionale della Campania, al presidente della commissione Sanità e sicurezza sociale del consiglio regionale della Campania, al commissario straordinario alla Sanità, al commissario straordinario dell’Asl Napoli 3 Sud che nella nuova riorganizzazione della rete ospedaliera dell’Asl, con particolare riferimento all’ospedale Agostino Maresca di Torre del Greco, si tenga conto del decreto numero 70 del 02.04.2015 ‘Regolamento recante definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera’ che prevede al punto 2.2 dell’allegato 1 che ‘i presidi ospedalieri di base, con bacino di utenza compreso tra 80.000 e i 150.000 abitanti … sono strutture dotate di sede di pronto soccorso con la presenza di un numero limitato di specialità ad ampia diffusione territoriale: Medicina interna, Chirurgia generale, Ortopedia, Anestesia e servizi di supporto in rete di guardia attiva e/o in regime di pronta disponibilità sulle 24 ore (h. 24) di Radiologia, laboratorio, Emoteca. Devono essere dotati, inoltre, di letti di osservazione breve intensiva.






    Questo il comunicato stampa:







    Pieno e convinto sostegno del consiglio comunale all’azione del sindaco di Torre del Greco, Ciro Borriello, nella battaglia in difesa dell’ospedale Maresca. L’assise cittadina nella sua interezza, nel corso della seduta svoltasi oggi nell’aula consiliare di palazzo Baronale, ha infatti votato l’ordine del giorno di condivisione alla battaglia legata alla salvaguardia del nosocomio di via Montedoro.

    In particolare, il consiglio comunale – attraverso il documento votato all’unanimità dei presenti (22 su 22) – “chiede al presidente della giunta regionale della Campania, al presidente della commissione Sanità e sicurezza sociale del consiglio regionale della Campania, al commissario straordinario alla Sanità, al commissario straordinario dell’Asl Napoli 3 Sud che nella nuova riorganizzazione della rete ospedaliera dell’Asl, con particolare riferimento all’ospedale Agostino Maresca di Torre del Greco, si tenga conto del decreto numero 70 del 02.04.2015 ‘Regolamento recante definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera’ che prevede al punto 2.2 dell’allegato 1 che ‘i presidi ospedalieri di base, con bacino di utenza compreso tra 80.000 e i 150.000 abitanti … sono strutture dotate di sede di pronto soccorso con la presenza di un numero limitato di specialità ad ampia diffusione territoriale: Medicina interna, Chirurgia generale, Ortopedia, Anestesia e servizi di supporto in rete di guardia attiva e/o in regime di pronta disponibilità sulle 24 ore (h. 24) di Radiologia, laboratorio, Emoteca. Devono essere dotati, inoltre, di letti di osservazione breve intensiva”.

    Molto intenso il dibattito in aula, seguito anche da diversi rappresentanti dell’associazione “Pro Agostino Maresca”, nata sulla scorta delle iniziative intraprese negli anni in merito alla struttura sanitaria. Una seduta inizialmente programmata direttamente all’interno dell’ospedale, ma poi svoltasi a palazzo Baronale dopo il diniego del commissario straordinario dell’Asl, diniego legato in particolare alla salvaguardia dei pazienti ricoverati nel nosocomio.

    Ciò nonostante, i lavoratori del Maresca hanno voluto comunque fare sentire la loro voce, affidando le loro considerazione a una lettera letta in aula dal sindaco Borriello: “Ormai da anni – hanno scritto – ci battiamo contro tutti quelli che hanno affossato l’ospedale Maresca. Siamo riusciti finora a bloccarne il complessivo smantellamento, in nome di una ipotetica trasformazione – esclusivamente – in presidio riabilitativo e per lungodegenti. Ma quel disegno non è mai tramontato: il Maresca lo stanno lasciando morire lentamente, in silenzio, con una tattica più furba e strisciante, le cui negative conseguenze per l’utenza sono sotto gli occhi di tutti”.

    “Vogliamo che il Maresca – scrivono ancora i lavoratori dell’ospedale – ridiventi al più presto un vero ospedale con una potenzialità di 200 posti letto”. Una proposta che, forte del sostegno unanime del consiglio comunale, il sindaco farà la settimana prossima, nel corso di due appuntamenti programmati nei giorni scorsi, con il commissario alla Sanità in Campania, Joseph Polimeni, e con la commissione del consiglio regionale preposta alla Sanità, commissione presieduta da Raffaele Topo, che hanno accolto l’invito del primo cittadino a confrontarsi sul futuro del Maresca: “Ringrazio Polimeni e Topo – afferma Ciro Borriello – per avere accettato il mio invito ad aprire un dialogo sul futuro dell’ospedale Maresca. Noi chiediamo solo che siano rispettate le leggi: leggi che prevedono, per un’utenza che va dagli 80mila ai 150mila abitanti, almeno un ospedale con pronto soccorso attivo. Con gli oltre 300mila cittadini che gravitano attorno al Maresca, il nostro ospedale potrebbe essere – leggi alla mano – anche un Dea di primo livello. Confrontiamoci dunque inizialmente sui numeri, con la consapevolezza che l’offerta sanitaria non può essere sempre più Napoli-centrica ma deve invece tenere in forte considerazione una provincia estremamente popolata”.

  • Info Torre del Greco News
  • Ricerca personalizzata