TuttoTrading.it

Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics
  • 23/11/2017 Finalmente una nuova proposta per un modello di raccolta rifiuti con il porta a porta. Il M5S presenta il modello di Pomezia con discussione nel punto 5S di Torre del Greco

    Ricerca personalizzata






    Due anni fa fu presentato dall' Osservatorio Rifiuti Zero il modello di raccolta differenziata, quello stesso modello che doveva essere presentato in consiglio comunale agli inizi del 2014 con il sindaco Malinconico.

    Poi venne Borriello per riprendere la raccolta fallimentare basata sui centri di raccolta che hanno trasformato la città di Torre del Greco in una discarica a cielo aperto.

    Il M5S propone ora il modello Pomezia, venerdì 24 novembre, alle ore 19, nello Spazio 5 Stelle di II vico Abolitomonte a Torre del Greco, dove i cittadini potranno dialogare con l’assessore M5S della città di Pomezia, Lorenzo Sbizzera, sul tema rifiuti e raccolta differenziata. “Riscatto per una città pulita”, chiedono attivisti e portavoce del Movimento 5 Stelle che domani, con il focus sui rifiuti, inaugurano un ciclo di appuntamenti con esperti nel cambiamento con cui ridisegnare, insieme, il volto della città.





    L’assessore Sbizzera porterà a Torre del Greco l’esperienza in tema di politiche ambientali del Comune di Pomezia, un modello virtuoso da esportare nelle altre città. Si tratta di un modello porta a porta che ha portato a dei livelli record di differenziata (66%), trasformato l’azienda municipalizzata in una società che fa utili da 400mila euro annui.

    Secondo Luigi Gallo, "a Torre del Greco la raccolta differenziata è di dieci punti sotto la media regionale, mentre per anni la mala politica lucrava sul business dei rifiuti. Proprio qui, nella regione dei tumori e della Terra dei Fuochi. Abbiamo presentato esposti in Procura sulle isole ecologiche di questa città e denunciato la gestione dei rifiuti del sindaco Borriello arrestato ed oggi sotto inchiesta Dobbiamo evitare che questa vergogna possa toccare ancora la nostra comunità: ai cittadini offriamo l’opportunità di confrontarsi con un modello virtuoso che può estendersi a tutti i nuovi Comuni 5 Stelle"







    Il modello Pomezia prevede la RACCOLTA PORTA A PORTA, una grande idea per un mondo libero dai rifiuti.

    Oggi, nella nostra società, dobbiamo fare i conti con un grande problema che ci riguarda tutti: i rifiuti. Ne produciamo sempre di più, con notevoli sprechi di denaro - visto che portare i rifiuti in discarica o in impianti di smaltimento ha un costo, destinato ad aumentare molto - e pesanti conseguenze per l’ambiente.

    Ma in questi ultimi anni, nella gestione del territorio e nella sensibilità dei cittadini, si sta delineando una tendenza ad un uso più intelligente delle risorse, nella direzione del recupero dei materiali e del riciclo. E’ così che è nata la raccolta differenziata.

    Per rendere più efficace questo metodo di raccolta, anche in diversi comuni della Città metropolitana di Roma Capitale è stata attivata la raccolta porta a porta.

    Impiegata con successo in molte città, in Italia e in Europa, la raccolta domiciliare ha il grande vantaggio di una maggiore comodità per il cittadino.

    Così differenziare è sempre più facile.

    L’Amministrazione Comunale, così come quella metropolitana, nel rispetto della normativa comunitaria e nazionale, crede nella raccolta differenziata porta a porta, impegnandosi per la gestione dei rifiuti basata sulle 6R:

    riduzione di ogni rifiuto

    riutilizzo quando possibile

    riparazione dei beni

    riciclo dei materiali

    per risparmiare energia

    per risparmiare risorse

    Ma cosa cambia con il porta a porta?

    Il nuovo metodo di raccolta permetterà la rimozione dei cassonetti stradali con il vantaggio immediato di avere vie e piazze più belle, libere e pulite.

    Al loro posto, ogni abitazione riceverà dei contenitori personali contrassegnati da vari colori - ogni colore indicherà una tipologia di materiale - nei quali inserire i diversi rifiuti prodotti.

    I contenitori dovranno essere esposti di fronte all’abitazione secondo i giorni e gli orari previsti nel calendario di raccolta, in modo da permettere agli operatori di svuotarli. Nessun materiale può essere lasciato fuori dai contenitori.

    Una volta vuoti, dovranno essere ritirati.

    Per una buona raccolta differenziata

    separate il più possibile i diversi materiali che compongono gli imballaggi prima di inserirli nei contenitori dedicati.

    svuotate e sciacquate quelli in vetro, plastica e metallo: i materiali non vengono raccolti tutti i giorni e gli avanzi di cibo possono creare problemi igienici nei contenitori della raccolta!

    schiacciate e rendete meno voluminosi quelli in plastica e in cartone: il costo di trasporto incide sui costi della raccolta differenziata!

    Ricordare che il miglior rifiuto è quello che non si produce

    Prima di differenziare, è importante pensare in un’ottica di riduzione dei rifiuti, ovvero cercare di non crearne di nuovi.

    Per questo, al momento dell’acquisto, privilegiate prodotti con imballaggi poco ingombranti o in materiali riciclati o riciclabili o che possono essere riutilizzati.

    Preferite i vuoti a rendere, le ricariche e i prodotti alla spina, e limitate l’uso di prodotti usa e getta.

    L' importanza delle casette dell' acqua

    Il comune di Pomezia ha istallato due case dell'acqua che erogano acqua di acquedotto, filtrata e refrigerata, sia naturale che gassata.

    I cittadini possono usufruire dell’erogazione dei acqua a basso costo utilizzando preferibilmente bottiglie in vetro: acqua naturale 4 centesimi per litro, acqua gassata: 4,5 centesimi per litro.

    Il servizio permette di evitare l'uso di acqua minerale confezionata e di conseguenza la produzione di rifiuti d'imballaggio in plastica che ne derivano (bottiglie) oltre a ridurre ulteriori impatti ambientali.

    UrbanWins - Progetto europeo 2017-2019

    Pomezia Città pilota del progetto europeo

    2017-2019 La gestione virtuosa dei rifiuti premia la Città di Pomezia.

    Portare la gestione dei rifiuti a un altro livello. E’ questo lo slogan del nuovo progetto europeo UrbanWins , finanziato dal Programma Ricerca e Innovazione Horizon 2020, che studierà come le Città consumano, producono ed eliminano i propri rifiuti per sviluppare e testare piani e soluzioni innovative che puntino a migliorare la gestione e la prevenzione dei rifiuti.

    Otto le Città pilota scelte in sei Paesi Europei: Austria, Italia, Portogallo, Romania, Svezia e Spagna. Pomezia è tra queste.

    UrbanWins è un progetto che punta a sviluppare e testare metodi per pensare ed implementare Piani Strategici innovativi e sostenibili per la prevenzione e gestione dei rifiuti in vari contesti urbani sulla base di approcci innovativi, inter-disciplinari e partecipativi che aumenteranno la resilienza ambientale urbana e garantiranno il progresso verso schemi di produzione e consumo più sostenibili migliorando la raccolta dei materiali da smaltire e l'uso di quelli recuperati.

    In maniera più specifica, lo sviluppo di Piani Strategici avverrà sulla base di una migliore conoscenza dei fattori che influenzano il metabolismo delle città e di una comprensione più profonda di come questi fattori possono essere trasformati in elementi positivi di cambiamento tecnologico, non tecnologico e di governance. 27 partner di 6 paesi diversi sono coinvolti nel progetto UrbanWins (enti locali, istituti di ricerca e università, aziende, ONG).

    Il Comune di Cremona (Italia) coordina il progetto che è finanziato nell'ambito del programma Horizon2020.

  • Info Torre del Greco Rifiuti
  • Ricerca personalizzata