TuttoTrading.it

Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • M5S TDG
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics
  • 21/09/2018 Firmata la revoca del contratto all’azienda Gema. Immediata la replica della ditta: “Contro di noi solo accanimento”

    Ricerca personalizzata






    Anche i consiglieri in istrada a presidiare gli ecopunti.

    Si cerca in ogni modo di sensibilizzare anche i cittadini per un corretto conferimento dei rifiuti, la cosa oiù importante per risolvere i problema dei rifiuti e preparare tutti al cambiamento.

    Il sindaco ha ringraziato i consiglieri che si stanno impegnando affinché si tenga sotto controllo lo sversamento, per fa si che non avvenga al di fuori degli orari stabiliti e nel modo più regolare possibile.

    Intanto è stato revocato l' appalto alla ditta Gema e si tengono sempre sotto controllo gli ingombranti.

    Ci sono intanto i primi miglioramenti da quando sono iniziati i controlli.





    Vi sono ora delle clausole da rispettare: si deve modificare il piano industriale per poter passare ad una raccolta porta a porta.

    Un progetto dettagliato per il porta a porta è stato già presentato alcuni anni fa: prevedeva quattro isole ecologiche regolari e la città divisa in tre aree.

    La raccolta sarebbe del tipo porta a porta e, dove non possibile, coi punti di prossimità.

    Arriva immediatamente le replica della ditta Gema riportata sul blog di Mariella Romano:







    21/09/2018 Firmata la revoca del contratto all’azienda Gema che ribatte: “Contro di noi solo accanimento”.



  • http://www.mariellaromano.com

    Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

    Parla di accanimento la ditta che si occupa della gestione dei rifiuti a Torre del Greco. Nel giorno in cui il Comune firma la revoca del contratto e chiede alla Gema di restare sul territorio al massimo sei mesi, ovvero il tempo necessario a mettere a punto il nuovo piano industriale che prevede il servizio porta-a-porta e programmare un’altra gara d’appalto, il legale rappresentante del consorzio fa pervenire una lettera di contestazione al sindaco Giovanni Palomba, al presidente del Consiglio comunale, Felice Gaglione, al segretario generale, Incarnato, e alla commissione trasparenza.

    Secondo la Gema, da luglio 2017, cioè da quando ha iniziato a lavorare a Torre del Greco, “sono state comminate reiterate ed ingiustificate penali per presunti disservizi” per i quali il Comune avrebbe fatto “indebitamente” pagare alla ditta penali che addirittura “hanno creato disagi nella gestione economica dell’azienda mettendo a rischio la stessa sopravvivenza”.

    “Considerate le somme trattenute e le ripetute applicazioni delle sanzioni irrogate in maniera continua e sistematica”, spiega il rappresentante legale della Gema, “è facilmente percepibile un accanimento nei confronti dell’azienda per addivenire probabilmente ad una risoluzione rapida in danno alla scrivente”.

    Secondo la contestazione della Gema, nei diversi incontri che si sono succeduti a Palazzo Baronale, il consorzio avrebbe sempre dimostrato la sua “disponibilità e ogni intenzione bonaria utile alla risoluzione di ogni problematica, senza mai ricevere riscontri positivi utili alla causa”.

    Precisazioni che potrebbero, a questo punto, anticipare la volontà da parte dell’azienda di avviare un contenzioso con il Comune che potrebbe pagare la decisione di revocare il contratto, con l’ennesima emergenza. Ma la Gema starebbe puntando anche alla riduzione drastica delle penali accumulate in un anno e pochi mesi di lavoro: una cifra che, al momento, supera il milione di euro.

    Intanto il consorzio, nella lettera inviata all’amministrazione comunale, ricorda che “da alcuni mesi non riceve con regolarità i pagamenti del canone mensile pur mantenendo ogni impegno assunto” e ribadisce “la propria disponibilità” a rimanere sul territorio per proseguire “il servizio in regime di proroga”.

  • Info Torre del Greco Rifiuti
  • Ricerca personalizzata