TuttoTrading.it
Questo sito
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Collezioni







    VAI ALLA MAPPA DEL SITO


    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • 07/11/2018 Raccolta differenziata. Cosa va nell' umido. Il compostaggio domestico e lo sconto sulla Tari. Informazioni alla Publiservizi di viale Europa 63

    Ricerca personalizzata






    -------
    Vanno nell' umido:
    Avanzi di pane, pasta, riso, farina, pesce, carne, cibi in genere e alimenti avariati, scarti e avanzi di frutta e verdura, formaggi e salumi, fondi di caffè, filtri di thè e camomilla, ossa, gusci di uova e di molluschi, piccole potature e piante domestiche senza terra e senza vaso, ceneri spente di camini, tovaglioli di carta unti.

    CARTONI PER PIZZA: la parte pulita va con la carta, la parte unta va sminuzzata e aggiunta all' umido oppure all' indifferenziato.

    LETTIERA PER GATTI TRADIZIONALE O IN SILICIO – Bisogna ricordare che gli escrementi vanno sicuramente buttati nell’umido, mentre la sabbia classica, di materiale artificiale, non biodegradabile, va buttata nell’indifferenziata. Questo vale anche per la lettiera in silicio.
    Diverso è il discorso per quanto riguarda la sabbia biodegradabile. Ce ne sono diverse in commercio: a base di segatura, di trucioli, di argilla, di sabbia naturale, di paglia o di carta. In questi casi si tratta di materiale compostabile, che può quindi essere tranquillamente smaltito con l’umido o anche direttamente in bagno, ma facendo attenzione a non esagerare con le quantità per non rischiare di intasare lo scarico. 
    -------

    Il compostaggio dei rifiuti organici (detti anche umido) è il miglior modo per smaltire in maniera sostenibile (economico, basso consumo energetico, minor impatto ambientale) questa categoria di rifiuti trasformandolo in “compost” (sostanza organica simile all’humus del terreno).

    Il compostaggio dell’umido può essere effettuato in impianti appositi dove si può ottenere un compost di qualità se l’umido è pregiato, cioè non contaminato da sostanze non degradabili, che può essere utilizzato in agricoltura, dove consente di ridurre l’uso di altri concimi.

    Tenendo presente che l’umido costituisce il 30% del totale dei rifiuti è evidente l‘apporto che il compostaggio può dare ad una soluzione sostenibile del ciclo dei rifiuti.

    Ma il compostaggio può essere effettuato, con buoni risultati, anche a livello domestico: giardino, condominio, terrazza.





    Questa forma di compostaggio si rivela molto utile per l’apporto che può dare alla diminuzione del rifiuto umido negli impianti di compostaggio o ancora più utile se l’umido viene trasferito in discarica (pratica da evitare assolutamente per la formazione di percolato e biogas) o addirittura, previo trattamento negli inceneritori.

    Le esperienze di diffusione del compostaggio domestico, di tutti i tipi indicati, sono ormai innumerevoli con ottimi risultati. Molte le amministrazioni che hanno implementato questa pratica senza sostenere costi eccessivi che si propongono di allargarla per gli evidenti vantaggi che ne derivano.

    Per avviare il percorso del compostaggio domestico, si potrebbe proporre di limitarlo in una prima fase al compostaggio da giardino, cioè diretto a quelle utenze casalinghe, della ristorazione o del commercio che possono utilizzare uno spazio aperto dove collocare la compostiera.

    Il bando prevede un incentivo con la riduzione della tassa rifiuti di una certa %.







    L’Amministrazione dovrebbe prevedere l’organizzazione di incontri di formazione finalizzati all’acquisizione delle conoscenze generali e delle tecniche per effettuare un buon compostaggio.

    Sono previste forme di controllo degli utenti aderenti al progetto ai fini dell’applicazione dell’incentivo e del rispetto dell’impegno assunto con l’adesione al bando.

    Il progetto può successivamente essere esteso al compostaggio da balcone o da terrazza, più complesso, sia per il numero di potenziali aderenti che per la più impegnativa gestione della compostiera, ma da prevedere per l’apporto certamente superiore che può dare in termini di utenza coinvolta.

    Da valutare anche l’introduzione del compostaggio condominiale, laddove il condominio disponga di una spazio adeguato. Esempi di questa forma di compostaggio sono state realizzate in molte città europee (Zurigo) con ottimi risultati.

  • Regolamento compostaggio domestico 2015

    Erano quattro i moduli da protocollare, due per la richiesta dello sconto e due per la dichiarazione di inizio compostaggio ma con l' esternalizzazione del servizio bisogna recarsi agli sportelli della Publiservizi in viale Europa 63, tel. 0823319319-800222121 per farne richiesta:

    Questi erano i moduli da protocollare al vecchio indirizzo dell' ufficio tributi, ora non più validi:

  • Modulo 1 sconto Tari
  • Modulo 2 sconto Tari
  • Dichiarazione 1 compostaggio
  • Dichiarazione 2 compostaggio

  • Info Torre del Greco Rifiuti
  • Ricerca personalizzata