TuttoTrading.it


16/04/2022 Torre del Greco: "Il vero problema sono i modelli diseducativi dei mass-media. Ci sono ragazzi che crescono a pane e Gomorra. Il risultato è questa violenza assurda"

Ricerca personalizzata












Torre del Greco: “Cambiare è possibile, Giovanni sarà la vostra forza dal cielo” Oltre 300 i presenti nella Basilica di Santa Croce, a Torre del Greco (Napoli), ai funerali del 19enne Giovanni Guarino. Atmosfera di forte commozione E un applauso all' arrivo della bara. Una cinquantina di ragazzi del gruppo parrocchiale, che Giovanni frequentavasi sono stretti intorno alla sua bara.

Don Giosuè Lombardo: “Il vero problema sono i modelli diseducativi dei mass-media. Ci sono ragazzi che crescono a pane e Gomorra. Il risultato è questa violenza assurda”

Tanta gente per dare l’ultimo saluto a Giovanni Guarino, il 19enne accoltellato a morte il 10 aprile nel luna park a Leopardi e alle 15,30 è partita la funzione religiosa. Striscioni e t-shirt indossate dai ragazzi ricordano il loro amico.

Alle 14.40  la bara bianca portata a spalla da amici e zii davanti all’altare della Basilica.

Presente anche il sindaco della città, Giovanni Palomba, i consiglieri regionali Loredana Raia e Francesco Emilio Borrelli e i vigili in alta uniforme e gonfalone comunale.

Alle 15.30 è arrivato l’arcivescovo di Napoli, don Domenico Battaglia che ha abbracciato la madre di Giovanni ed ha detto:

“Un momento segnato da un profondo dolore, non possiamo far altro che pregare. Mi rivolgo a voi, agli amici di Giovanni. Non possiamo far altro che pregare. Ad ognuno di voi Giovanni chiede questo”.

Don Mimmo ha salutato il giovane ferito a morte con una coltellata al cuore e ha chiesto a tutti di non dimenticare, di lasciar svanire la rabbia e di trasformare il dolore in forza per cambiare il mondo e condannare la malavita e la camorra.

Le parole dell' Arcivescono di Napoli:

“Caro Giovanni, parlo con te, perché so che mi ascolti, non so se qualcuno te l’ha mai detto, il tuo nome significa dono di Dio, dono che Dio ha voluto fare alla tua mamma e al tuo papà a tua sorella, ai tuoi nonni agli zii, agli amici a questa comunità parrocchiale, dono che Dio ha voluto fare a ciascuno di noi e qui presente.

Oggi Giovanni siamo qui insieme a te, ma non sai quanto vorremmo poter essere altrove, non sai quanto vorremmo che questo momento fosse solo un brutto incubo dal quale svegliarci al più presto, per poter tornare a sorridere e scherzare insieme a passeggiare lungo le strade di questa città in una quotidianità che ora ci sembra distante anni miglia, perché purtroppo siamo qui in questo doloroso Sabato Santo con il cuore spezzato e il volto solcato dalle lacrime per accompagnarti in questo tuo viaggio dalla terra al cielo.

Siamo increduli sgomenti per quanto è accaduto, per questo tuo essere volato via così in fretta, inaspettatamente, così ingiustamente.

Avrei desiderato incontrarti durante una mia visita alla tua parrocchia in questo tuo quartiere.

Avrei desiderato guardarti negli occhi lasciarmi illuminare dal tuo sorriso carico di futuro, ascoltare le tue opinioni i tuoi pensieri, invece mi ritrovo qui a chiederti di ascoltare le mie parole, di accoglierle come una carezza che tu moltiplicherai donando carezze e forza ai tuoi cari, a mamma Marianna, a Papa Antonio, a tua sorella, ai tuoi amici, ai tuoi coetanei.

Perdonami Giovanni, perdonaci tutti, perdona noi adulti che con la nostra indifferenza, con il nostro voltarci dall’altra parte abbiamo consentito alla cultura mafiosa di penetrare fin nel midollo di tanti giovani di tanti ragazzi, prede facili della criminalità organizzata.

Può sembrare paradossale dirlo, ma chi ti ha portato via da noi è certamente carnefice e come tale va giudicato senza attenuanti e consegnato il percorso della giustizia umana, ma è al contempo anche vittima, vittima di un sistema valoriale mortifero, di una cultura corrotta in cui l’importanza dell’immagine di successo, del predominio sull’altro, della legge della violenza e del sopruso, vengono inculcate sin dalla tenera età.

Perdonaci Giovanni se la nostra comunità sociale ha lasciato che accanto a te e alla tua vita bella, altre vite, anche se uscite immacolate dal cuore di Dio, assorbissero il marcio della camorra, il caos incontrollato della violenza. Perdonaci perché se forse fossimo stati più attenti, se avessimo avuto il coraggio di intervenire, se avessimo osato creare un sistema di vita contro il sistema di morte della camorra e della violenza forse non saremmo qui a piangerti.

Perdonaci Giovanni se in questo momento di dolore estremo siamo abitati unicamente dalla rabbia e siamo incapaci di cogliere il tuo testamento, la tua giovane voce che dice a tutti noi, lasciate che mai più accada ciò che mi è accaduto adoperatevi in tutti i modi possibili per fermare la spirale della violenza, i rivoli di sangue, i dolori atroci dei genitori che la sera senza motivo non vedono rientrare a casa il proprio figlio perché ucciso da un gesto efferato e senza senso.

Hai ragione Giovanni, la scia di sangue che continua ad attraversare le nostre strade procurando la morte a giovani vite come la tua e terrore e angoscia di interi quartieri e strade famiglie non può lasciarci indifferenti ed inermi ad attendere chissà cosa.

Ognuno deve sentire il tuo appello come rivolto a sé, ognuno deve dare il proprio contributo alla vita di una comunità in cui nessun ragazzo è abbandonato al proprio destino deviante. Dobbiamo ricordare che il presente il futuro della nostra città dipendono dall’impegno di tutti, dalla capacità che avremo di passare da un freddo individualismo ha un senso e rinnovato caloroso di comunità dal desiderio fattivo di trasformare tanti piccoli io, impauriti e distratti, nella forza di un grande noi.

Sì Giovanni, migliorare le nostre città, invertire la marcia della contaminazione mafiosa, purificare le menti dal pensiero camorristico non è un’utopia, ma un dovere possibile.

La strada di questo cambiamento non può che passare attraverso l’impegno educativo di tutti. So bene, caro fratello mio, che il tuo appello non è rivolto solo ai grandi, agli adulti, ma anche ai tuoi coetanei, ai tanti ragazzi, ai giovani presenti questa sera qui in questa chiesa.

Sai Giovanni, loro sono molto arrabbiati per la tua morte ingiusta, sono indignati disgustati, atterriti da quanto ti è capitato e io lo sono con loro e per loro, ma dal cielo oggi tu ci dici, non basta la rabbia, non basta l’indignazione, occorre trasformare la rabbia in energia di vita per costruire un sistema alternativo a quello delle mafie, un sistema di vita in cui valori della giustizia e del dialogo, della non violenza e della legalità, della solidarietà della cooperazione siano mattoni solidi per costruire dighe capaci di arginare il male la camorra e l’indifferenza.

Per questo a voi ragazzi, a voi amici di Giovanni dico questo dolore non sia inutile, non ci attraversi invano, diventi uno spartiacque per un impegno nuovo e concreto.

Vi prego, scegliete di stare sempre dalla parte della vita, difendete la vita, amate la vita, non date in appalto a nessuno la vostra coscienza, non sono io a chiederlo e la vostra dignità che ve lo impone. Mettete la vostra energia, la vostra passione, la vostra bellezza, la bellezza dei vostri anni al servizio di una comunità, di una città da vivere abitando questo tempo da protagonisti perché cambiare è possibile, fatelo per Giovanni dal cielo sarà lui la vostra forza.

Giovanni, noi sappiamo che vivi, sappiamo che ora sei nel cielo tra le braccia del Signore risorto e sappiamo che il cielo non è un luogo lontano è una dimensione che si intreccia alla nostra rendendoti a noi più vicino che mai anche se in modo differente in un modo che nessuno di noi preferirebbe oggi tanto desideriamo abbracciarti, parlarti, ascoltarti.

Giovanni, vedi se tu non esisti più, neanche Dio esiste. Per noi che ci diciamo credenti l’unica risposta al dolore e alla morte è la risurrezione del Cristo, la sua risurrezione e la risposta di Dio sul male del mondo e Cristo è davvero risorto. Io credo nella risurrezione per questo sono qui stasera.

Un ultimo pensiero, Giovanni, vorrei lo rivolgessimo insieme alla tua mamma Marianna, permettimi di darti del tu, nel dolore non ci sono distanze che reggono. Io non sono Gesù, non posso come lui restituire tuo figlio il tuo calore, al tuo abbraccio, ma posso solo accostarmi in punta di piedi a te e sfiorare con te il tuo dolore abissale. Posso solo sfiorarlo, rimanere sulla soglia, perché quel dolore tuo e solo tuo e nessuno può profanarlo. Come solo sua la voragine di dolore del padre di Antonio e dell’amata sorella Rosa.

Giovanni, il dolore della tua famiglia è sacro come la tua vita, come l’amore ferito, come ogni vita ferita e dolorante. Tu comprendi la loro rabbia, la loro disperazione, il loro urlo di ingiustizia e di impotenza e la rassegnazione che tenta di attraversarli ed è per questo che oggi nel cielo stai già parlando di loro ad un’altra mamma straziata anche lei dal dolore sotto una croce ingiusta e incomprensibile.

Sono certo che in questo momento starai chiedendo a Maria, donna del Sabato Santo, di prendere per mano tua madre, tuo padre e tua sorella per accompagnarli nell’attraversamento di questa valle oscura e dolorosa fino a condurli nel giardino fiorito della risurrezione.

Ti immagino raccontare alla Madonna la tua gratitudine per la famiglia che Dio ti ha donato su questa terra mentre la implori di non abbandonarla alla disperazione. Sono certo che Maria, con la sua delicatezza, ti invierò ogni giorno ai tuoi cari per sussurrare loro nel silenzio della preghiera parole di speranza di vicinanza, parole che raccontano di un amore che non può spezzarsi perché è più forte della morte.

Giovanni, io non ti conoscevo, ma in questi giorni ho tanto sentito parlare di te dalle persone che ti vogliono bene, sono venuto qui per salutarti per dirti insieme a tutti coloro che ti hanno conosciuto e amato non addio, ma arrivederci. Prima però di lasciarti andare, voglio ancora pregarti per questa città e per questo mondo che hai lasciato, ma non abbandonato.

Città e mondo vittime della violenza, del sopruso, della guerra. Permettimi di pregarti soprattutto per i tuoi fratelli più prossimi i ragazzi, i giovani, i tuoi coetanei. Nei loro occhi oggi vedo i tuoi occhi, nel loro volto oggi scruto il tuo volto.  

Se ci sono tanti giovani abbandonati al loro destino deviante, vittime di un sistema malavitoso che come carnefici continuano a tenere in vita, ce ne sono tanti altri che invece ci danno speranza e sono qui stasera in questa chiesa. Guardali, oggi sono qui, attorno a te, tristi addolorati per te.

Questi ragazzi meritano rispetto, meritano attenzione, meritano fiducia. Prega tu per loro, semina nei loro slogan, nella loro rabbia il segno della pace, la forza di amare, il coraggio della tolleranza, la finezza della comprensione, la sapienza per non sciupare i doni irripetibili della vostra età.

Prega perché i tuoi amici non rinuncino mai alla vita, non sciupino mai questi anni e non tradiscono mai il senso profondo della libertà e dell’amicizia. Aiutaci tu Giovanni a ritrovare coraggio, ad affrontare le paure della vita, a dare valore alle cose, a sentirci vivi.

I tuoi sogni abitano i nostri sogni, i tuoi occhi siano i nostri occhi, il tuo cuore sia nel nostro cuore che continua a battere innamorato della vita e dell’amore dando forza e consolazione e speranza a quanti ti hanno voluto bene e continua a suggerirci che non bisogna mai rassegnarsi, mai darsi per vinti, che la vita va vissuta sempre con dignità e con coraggio e che la speranza non deve morire mai.

Prega tu per noi, perché il Signore ci protegga dal male di vivere, per riempire di speranza il cuore di tutti coloro che ti hanno amato e continueranno ad amarti perché nessuna tristezza abbia a far loro del male. Il signore ci insegna ad avere più paura di una vita sbagliata che non della morte, a tenere di più la vita vuota e inutile che non l’ultima frontiera che oltrepasseremo aggrappandoci forte al cuore che non ci lascerà cadere.

Nel mistero del dolore ci sono le luci e ci sono le ombre. Ovunque c’è un punto interrogativo aperto alla speranza, ovunque c’è un ragazzo che soffre, ovunque c’è un ragazzo che spera, ovunque c’è un ragazzo che lotta per la dignità, ovunque c’è un ragazzo che lotta per la giustizia, io li, noi li, ti ritroveremo, ti ritroverò.

Ci aiuti il Signore a far risorgere ogni giorno, ogni ora la speranza e a vivere da risorti dalla parte della vita e della giustizia.

Giovanni tu ora sei già nel mattino di Pasqua, ma noi siamo ancora immersi nel silenzio pesante e dolorante del Sabato Santo, e allora guarda a questo tempo straziante, così lungo da passare, a questo silenzio così duro da raccontare.

Aiutaci ad affrontarlo insieme a te questo momento di infinito dolore. Magari stasera, alzando lo sguardo al cielo, noteremo una stella in più, una stella di prima grandezza, tu starai lì. In quella stella, che accanto alla stella del mattino, il risorto brillerà come non mai. Giovanni la tua stella illumini sempre tutti noi, illumina la tua mamma, il tuo papà la tua sorella e permettimi se oso troppo e se quanto dico potrà urtare qualcuno, i raggi della tua stella giungono pure al cuore dei tuoi aguzzini e li convertano.

Arrivino ai cuori più induriti, penetrino nell’animo dei tanti camorristi e malavitosi che abitano le nostre città, la tua luce li spinga alla conversione, al ravvedimento, ad un amore sano e autentico per i loro figli, per quei figli che stanno allevando dando loro sono due sole possibilità: il carcere o la morte.

Ciao Giovanni, la morte non è la fine di tutto anche se fa male e vita umana non finisce mai sotto una tomba. Questa notte, nelle nostre chiese buie, un cero benedetto con la sua piccola fiamma farà il suo ingresso a significare che la parola della risurrezione è, e sarà sempre, l’ultima parola sul dolore e sulla morte.

Non so come, non so quando, non so dove, ma so che noi ci incontreremo, ci rivedremo, ci riabbracceremo nella luce della risurrezione. Il Dio della vita ti rivolga ora parole di tenerezza e ti abbracci anche per noi e sono certo che mai ti dimenticherai di condividere quell’abbraccio con chi ti amato e ti amerà per sempre. Grazie Giovanni per la tua, riposa ora nella gioia senza fine”.

Nella piazza gremita, all’uscita della bara, sono state liberate delle colombe bianche ed esplosi fuochi d’artificio. Molti hanno gridato: “giustizia, giustizia” mentre gli Ultras della Turris, squadra del cuore di Giovanni, hanno cantato per lui: “Giovanni uno di noi”.







  • Info Violenza
  • Ricerca personalizzata