TuttoTrading.it
  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Div.19
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading
  • Collezioni




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics


    eXTReMe Tracker


  • Dividendi 2010/11. News sui dividendi 2010/11, dicembre 2010

  • Dividendi 2019
  • TuttoDividendi


  • Ricerca personalizzata






    31/12/2010 Aziende cinesi: extra cedola

    Il Ministero delle Finanze cinese ha deciso di aunentare i dividendi da versare alle casse dello stato per finanziare la spesa per servizi sociali e per contribuire al ribilanciamento dell'economia verso il fronte dei consumi. I grandi gruppi industriali cinesi, reduci da un 2010 brillante, hanno, dunque, perso la battaglia in casa con il loro azionista: il Ministero delle Finanze

    I grandi gruppi industriali cinesi, reduci da un 2010 brillante, hanno, dunque, perso la battaglia in casa con il loro azionista: il Ministero delle Finanze

    31/12/2010 Akros: Telecom non è nella rosa delle tlc più remunerative

    Gli investitori tendono a considerare il settore delle telecomunicazioni è considerato dagli investitori un'"asset class" caratterizzata dalla produzione di un abbondante flusso di cassa e da un'alta remunerazione agli azionisti ma Banca Akros in un suo recente report ha identificato come fattori discriminanti l'esposizione verso i mercati emergenti e l'attività M&A.

    Essi hanno identificato come migliori nella retribuzione di dividendi KPN, Elisa e Telefonica che potrebbe offrire un elevatissimo dividend yield.

    30/12/2010 Azioni e dividendi: meglio le obbligazioni

    I gestori hanno ripetuto che le azioni erano vincenti sui titoli di stato nel lungo periodo, che le azioni avrebbero premiato piu' delle obbligazioni. Ed ecco i risultati: . le borse hanno fatto perdere soldi negli ultimi 10 anni, il 5% Wall Street e il 22% quelle europee, senza considerare l' inflazione.Bastava sottoscrivere obbligazioni e titoli di stato per guadagnare oltre il 70% mentre le borse dei paesi emergenti sono cresciute del 241%.

    In 10 anni è cambiato tutto: tracolli di borsa, nel 2000/2002 e nel 2008/2009 come conseguenza delle bolle speculative create dal nostro sistema finanziario, la bolla sui titoli Internet e tecnologici e dopo sette anni quella sul credito, e poi la bolla immobiliare negli Stati Uniti e quella sui titoli bancari conseguenza della bolla sulla liquidità e nella temdenza a fare debiti, il che aumentava l' attività delle banche. Poi ogni volta il crollo

    29/12/2010 Ferrero International: boom di utili e ricchi dividendi

    Ferrero International, capofila del gruppo dolciario di Alba che produce Nutella e Rocher, presenta un Boom di utili e cedole: nell’esercizio 2009/2010 chiuso ad agosto, il gruppo di cui fanno parte una quarantina di controllate nel mondo, ha segnato un profitto record ed ha deciso di distribuire cedole per 280 milioni.

    29/12/2010 Marea Nera: Bp sopravvivrà al disastro naturale

    Tra spese di ripristino ambientale, multe governative, cause civili, costi legali e risarcimento danni, per Bp i costi della fuoriuscita di petrolio provocata dall'esplosione della piattaforma per la trivellazione a mare aperto Deepwater Horizon nel Golfo del Messico lo scorso 20 aprile, saranno inferiori a 60 mld usd, e sembrano del tutto gestibili. Si noti che, pero', per migliorare la propria situazione finanziaria, quest'anno Bp ha ridotto i suoi dividendi e ha venduto asset per oltre 21 miliardi di dollari.

    28/11/2010 James Smith: le azioni investimento migliore per l'anno 2011

    Secondo James Smith, gestore di Ignis Global Growth Fund: "Le azioni sono l'investimento migliore per il 2011. La crescita degli utili è buona e le società sono ben posizionate per incrementare i dividendi. I mercati, distratti dai timori a livello macro, tuttavia, hanno ignorato questi aspetti positivi - una negligenza che dovrebbe correggersi nel 2011.

    "Sono da preferire le azioni UK ed europee che sono scambiate a valutazioni vantaggiose, come Vodafone, GKN, Allianz e Bnp Paribas

    28/12/2010 Diasorin dal Ftse Italia Star al Ftse Italia Mid Cap e poi allo Ftse Mib

    Forte aumento per il titolo Diasorin nel corso del 2010 (32%) nel passaggio dal Ftse Italia Star al Ftse Italia Mid Cap e poi allo Ftse Mib, con un P/E 2011 pari a 19.68 contro una media per l' Ftse Mib di 13,85 ed un dividendo atteso inferiore all' 1% contro una media del l 3,83% per i principali 40 titoli di Piazza Affari. Per questo dopo la pausa natalizia i titoli sono al ribasso con tendenza al recupero del dividendo.

    28/12/2010 Diasorin, dopo la lunga corsa ritracciamento in vista

    Diasorin ha brillato nel corso del 2010, passando in rapida successione dal Ftse Italia Star a gennaio , al Ftse Italia Mid Cap per poi passare al Ftse Mib.. La redditività attesa dei dividendi non gioca a favore della società vercellese e il prossimo anno il dividendo dovrebbe garantire una resa dello 0,84% ai prezzi attuali.

  • TuttoDividendi
  • Ricerca personalizzata
    Begin Cookie Consent plugin by Silktide - http://silktide.com/cookieconsent -->