TuttoTrading.it

21/02/2008 Il grafico (seconda parte) (www.tradingreale.it)

Ricerca personalizzata
GIOCHI GIOCATTOLI
Articoli da regalo
Attività creative
Bambole e accessori
Bestseller generali
Burattini e tetrini
Calendari dell' avvento
Collezionabili
Costruzioni
Elettronica per bambini
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Elettronica per bambini
GIOCHI GIOCATTOLI
Giocattoli da collezione
Giocattoli prima infanzia
Giochi di imitazione
Giochi da tavola
Giochi educativi
Modellismi
Peluche
Personaggi Giocattolo
Puzzle
Sport Giochi Aperto
Strumenti Musicali
Veicoli

Oggi ci occupiamo della scelta e della comprensione dell’intervallo temporale di un grafico il cosiddetto time frame. Il time frame rappresenta il tempo che passa tra un rilevamento ed il successivo nel tracciare un grafico. Ad esempio su un grafico giornaliero (daily) si segnano i dati a fine giornata, su un grafico a 5 minuti si fa una rilevazione ogni cinque minuti. Fin qui niente di particolare, ma ci sono alcune doverose precisazioni che bisogna fare.

Innanzi tutto facciamo una distinzione tra intraday, daily e weekly. I time frame intraday sono quelli che segnano dati durante la giornata borsistica: grafici a1 ora, 30 minuti, 15 minuti fino ad arrivare a quelli ad 1 minuto. Negli altri time frame i grafici vengono tracciati con i dati di chiusura della giornata.

L’immagine che si ha del mercato, nei diversi time frame, ha, chiaramente, un significato diverso. Gli intervalli temporali intraday sono influenzati dalle speculazioni di chi cerca di ‘cogliere’ le piccole fluttuazioni che avvengono durante una giornata (scalper), inoltre si può notare come vi siano nette differenze nell’attività (e quindi nelle oscillazioni) durante le diverse ore del giorno. Osservando un grafico intraday si vede subito come in prossimità dell’apertura e della chiusura della seduta l’attività degli investitori sia molto più intensa. Gli intervalli temporali daily e weekly, invece, danno un immagine globale del grafico che si sta osservando, facendone cogliere i grandi movimenti e permettendo di prospettare dei veri e propri scenari futuri.

Per chi inizia a leggere un grafico di borsa risulterà molto più semplice analizzare un grafico con time frame più grande i cui segnali grafici, come vedremo, risultano molto più ‘affidabili’.

Nei prossimi articoli ci occuperemo delle modalità di visualizzazione dei dati su un grafico di borsa.

http://www.tradingreale.it
Quest'opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

  • TradingFacile
  • Ricerca personalizzata