TuttoTrading.it

  • Home
  • Mappa
  • Contatti
  • M5S TDG
  • G.Temi
  • Dividendi
  • Shopping
  • Informaz.
  • Sicur.Inf.
  • Trading.




    VAI ALLA MAPPA DEL SITO

    Google analytics




    eXTReMe Tracker




    contatore visite
  • Approfondiamo lo Spread (Davide Biocchi, www.directaworld.it)

  • TuttoEconomia
  • TuttoDividendi
  • TuttoBorsaQuote
  • TraderNews
  • TradingOnLine
  • Dividendi 2019
  • TuttoDividendi


  • Ricerca personalizzata






    Me lo diceva già mio nonno... che quando ti dicono che puoi fare un affare... gatta ci covERED... che quel che ti vendono di sicuro non varràNT quel che vogliono farti credere. Se fossi stato più attento, da piccolo... non mi sarei bruciato le piume da grande... perché avrei capito dove stava l'inghippo.

    Per attirare i polli... e parlo per esperienza diretta... i Market Maker ti dicono che con 5 puoi vincere 50... l'effetto leva, lo chiamano... ma per cominciare quel che costa 5, se vuoi venderlo, vale 4... che quell'uno lo chiamano lo spread... la forchetta del prezzo... che non c'entra col cucchiaio... ma che comunque è un termine culinario... come arrosto, o spiedo...

    Se il pollo poi vuole capire perché quel che ha comprato a 5... e che fino a ieri valeva 4... perché ora vale 3... allora tirano in ballo le formule col DELTA (che non è quello del Po) e il THETA... che unito al GAMMA (che non c'entra con la LANCIA) dà l'ampiezza delle ocillazioni che può avere il CW...

    Fine della lezione teorica. Perché poi quello che conta è la pratica... E' lì che ti accorgi di avere il fuoco acceso sotto i piedi. Trader avvisato, mezzo rovinato. Non provare per credere. Io non ci provo più... avanti un altro... che c'è posto.





    Genio: C'è differenza tra lo spread dei covered warrant e il book denaro e lettera di tutte le altre azioni?

    Biocchi: Coi CW è un po' come operare con il cambiavalute, che compra il dollaro a 2100 lire e vende a 2300, ottenendone il proprio ricavo. E' differente il mercato in cui il privato compra o vende dallo specialista da quello in cui il privato compra o vende dal privato, in quanto nel secondo la distanza tra prezzi di acquisto e di vendita non è il margine dello specialista, ma l'indice della normale difficoltà a trovare una controparte.

    Genio: Ma coi CW non c'è la possibilità di vendere da privato a privato, e quindi di ottenere in qualche modo un vantaggio dal fatto che ci sono sia il Market Maker sia i privati?

    Biocchi: Teoricamente sì, perché se acquirenti e venditori fossero tanti come avviene per le azioni più trattate, i privati sarebbero già sufficienti a garantire la liquidità del prodotto finanziario, senza necessità di un Market Maker, perché gli spread rimarrebbero comunque contenuti. Ma presso Borsa Italia sono quotati oltre 5.000 covered warrant e solamente poche centinaia sono trattati con volumi tali da poter essere definiti liquidi, quindi nella maggior parte dei casi i derivati sono la classica situazione del mercato privato-specialista dove lo spread viene stabilito dal Market Maker.

    Genio: Lo spread è quindi l'elemento centrale da tener d'occhio quando si opera sui CW?

    Biocchi: Non l'unico ma uno dei più importanti. La maggiore o minore rilevanza deriva dal tipo di investimento scelto, ad esempio acquistando un CW PUT su un sottostante Mib30, ipotizzandone una discesa costante nei successivi tre mesi, si farà un investimento a lungo termine e lo spread avrà minore rilevanza, ma per chi opera sui derivati con ottica molto speculativa (scalping) lo spread acquista invece rilevanza massima, perché chi opera sfruttando le oscillazioni intraday del mercato ha necessità di uno spread il più stretto possibile, per massimizzare il guadagno o contenere le perdite se deve applicare lo stop loss.

    Genio: Ma in definitiva, come fa il MM a determinare l'ampiezza dello spread?

    Biocchi: Lo decide liberamente, perché dal punto di vista della normativa non ci sono vincoli. In teoria potrebbe anche stabilire di vendere un derivato a 10 e comprarlo a 1 esponendosi in questo caso al rischio che dei privati lo sostituiscano, proponendosi a loro volta come MM con offerte più vantaggiose, e lucrando sullo spread al suo posto. E' vero però che allargare lo spread nelle fasi di mercato veloce è una tecnica che i MM utilizzano sempre più di frequente per difendersi dagli scalper, e queste situazioni di spread allargato possono determinare grosse perdite agli investitori che avevano acquistato il derivato contando sull'affidabilità del MM.

    Genio: Puoi farmi un esempio?

    Biocchi: Certamente. L'ultimo periodo, dopo gli eventi dell'11 settembre, offre parecchio materiale sul tema. I volumi degli scambi sui CW si sono bruscamente contratti, anche perché l'elevatissima volatilità dei mercati ha indotto i MM a comportamenti "estremi", tra i quali l'ingente allargamento dello spread. Situazioni di questo genere hanno creato vere e proprie trappole anche per i trader più esperti.

    Un esempio di vita vissuta: un CW sul MIB30

  • Torna a TuttoGenio


  • TuttoEconomia
  • TuttoDividendi
  • TuttoBorsaQuote
  • TraderNews
  • TradingOnLine
  • Ricerca personalizzata
    Begin Cookie Consent plugin by Silktide - http://silktide.com/cookieconsent -->